UltimaEdizione.Eu  > 

Volkswagen: indagine penale per l’ex boss. Anche 2,5 milioni di Audi coinvolte. Basteranno 20 miliardi per pagare i danni?

Volkswagen: indagine penale per l’ex boss. Anche 2,5 milioni di Audi coinvolte. Basteranno 20 miliardi per pagare i danni?

Un’inchiesta penale a carico di Martin Winterkorn, l’appena dimesso Amministratore delegato di Volkswagen, è stata aperta dalla magistratura tedesca con l’accusa di “frode nella vendita di vetture con dati sulle emissioni manipolati”.

Winterkorn, che ha lasciato il gigante automobilistico dopo nove anni di gestione, si è detto non a conoscenza della manipolazione dei test sui gas di scarico delle vetture che veniva effettuato istallando a bordo un apposito software.

L’inchiesta è stata avviata dai magistrati di Braunschweig, che si trova nei pressi del quartier generale della Volkswagen a Wolfsburg, dopo aver ricevuto numerose denunce tra cui una presentata dalla stessa casa automobilistica.

Nelle ultime ore è anche merso che, in realtà, i vertici del gigante automobilistico mondiale era stato diffidato da alcuni fornitori ad utilizzare il software incriminato

Il successore di Winterkorn, Matthias Mueller, ha detto di ritenere che probabilmente sono 11 i milioni di auto che potrebbero essere ritirate per le rettifiche necessarie da apportare a tutti i modelli Euro 5 diesel coinvolti.

Stessa situazione, stando alle dichiarazioni ufficiali, per 1.420.000 veicoli Euro 5 dell’Audi, di cui 577.000 in Germania e quasi 13.000 negli Stati Uniti. I modelli interessati sarebbero la A1, A3, A4, A5, A6, TT, Q3 e Q5. In realtà, pare che le Audi coinvolte raggiungano la cifra di 2 milioni e mezzo.

Inchieste sono adesso in corso anche in diversi paesi europei, tra cui Italia e Francia, mentre negli Usa, in Virginia, starebbe per partire già il primo processo sulla base di una class action intentata da numerosi proprietari di vetture Volkswagen.

Ai vertici della casa automobilistica si stanno convincendo che il danno di questa vicenda potrebbe superare alla fine i 20 miliardi di euro, oltre che aver provocato una sconvolgente perdita di credibilità che è, oggettivamente, incalcolabile. Qualche esperto, però, si chiede se la cifra in questione non sia troppo ottimistica e se, alla fine,  il conto non finirà per rivelarsi più salato.