UltimaEdizione.Eu  > 

Nuova crisi per i Rolex. Tegola per governo Gentiloni

Nuova crisi per i Rolex. Tegola per governo Gentiloni

Ancora una volta i Rolex fanno piovere una tegola sul governo Gentiloni. La sottosegretaria Simona Vicari, infatti, si è dimessa a seguito dello sviluppo di un’indagine giudiziaria in Sicilia,  per cui sono stati disposti arresti eccellenti, tra cui quelli del Presidente della squadra di calcio del Trapani, l’armatore Ettore Morace, del deputato regionale Girolamo Fazio, ex sindaco di Trapani e  nuovamente candidato  sindaco, del funzionario della Regione Siciliana Giuseppe Montalto.

Secondo l’accusa, in cambio di due Rolex datole dal Morace, la sottosegretaria, che dopo aver fatto parte del Pdl è passata con il Nuovo centro destra di Angelino Alfano,  avrebbe presentato un emendamento che abbassava dal 10 al 4% l’Iva sui trasporti marittimi, determinando un risparmio di milioni di euro per la società di Morace.

Raggiunto da un avviso di garanzia anche il Presidente della Regione Sicilia, Dario Crocetta, il quale si è detto certo di poter chiarire tutto con i magistrati che indagano sui collegamenti navali tra la Sicilia e le isole che la circondano.

Simona Vicari

 

La sottosegretaria Simona Vicari ha deciso di dimettersi dopo un colloquio con il ministro delle Infrastrutture  Rio rilasciando la seguente dichiarazione:  “Poiché la mia permanenza nell’incarico di sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture comporterebbe di affrontare quotidianamente una materia per la quale sono oggi sottoposta ad indagine, al fine di garantire a me e al mondo che è maggiormente interessato al trasporto marittimo e a tutto il Governo che ho avuto l’onore di rappresentare, una maggiore serenità, ritengo opportuno rassegnare le mie dimissioni”.

La Vicari, sostenendo che il regalo ” ricevuto da Morace non c’entra nulla con il mio ruolo”ha dichiarato che le dimissioni le consentiranno ” di meglio rappresentare all’Autorità giudiziaria tutte le ragioni per le quali sono assolutamente estranea a quanto contestato”, prosegue.

E’ questa la seconda crisi che un governo italiano è costretta ad attraversare per una regalia che ha al centro degli orologi Rolex. L’ex ministro, anche lui del Nuovo centro destra, si dimise da ministro delle Infrastrutture dopo che divenne di pubblico dominio il fatto che il figlio aveva ricevuto in regalo un Rolex da un indagato dell’inchiesta cosiddetta delle ” Grandi opere”,