UltimaEdizione.Eu  > 

Caso banche salvate: i 5 Stelle sfiduciano la Boschi. Lei : vedremo chi ha più voti

Caso banche salvate: i 5 Stelle sfiduciano la Boschi. Lei : vedremo chi ha più voti

Il caso del cosiddetto Salva banche e il conseguente avvio della protesta degli obbligazionisti che si sentono “fregati” perché alla fine saranno gli unici a pagare completamente per colpe di amministratori di banca infedeli tona in Parlamento nella maniera più dirompente possibile. Il Movimento 5 Stelle, infatti, ha deciso di presentare una mozione di sfiducia alla Camera dei Deputati nei confronti della Ministra Maria Elena Boschi per conflitto d’interesse.

Il padre di lei, Pier Luigi Boschi, infatti, è stato a lungo componente del consiglio di amministrazione di Banca Etruria e, prima del crack definitivo vice presidente dello stesso istituto di credito finito nella bufera con altre tre banche regionali e locali che sono giunte alle stesse condizioni di fallimento, CariFe, CariChieti, Marche.

Anche il fratello Emanuele della Ministra è stato un importante dirigente della banca e i parlamentari del gruppo alla Camera di Beppe Grillo elenca una pesante lista di rimostranze legate agli aiuti che il Governo Renzi, di cui la Boschi è una figura di spicco, se non la figura di maggior spicco, ha finito per assicurare all’Etruria negli ultimi anni.

Fino a prevedere, come ha ricordato il Vice Presidente della Camera, Di Maio, che il recente decreto crei una norma di salvaguardia che mette al riparo tutti i dirigenti dei quattro istituti bancari coinvolti da eventuali azioni di rivalsa, e tra questi c’è ovviamente il padre della Ministra.

Tutto il Pd è però sceso in campo al sostegno della Boschi, inclusa la minoranza, e avendo presentato i Cinque Stelle la mozione di sfiducia alla Camera, dove il partito di Renzi ha un’amplissima maggioranza, è molto improbabile che sia accolta. Così, Maria Elena Boschi si sente sicura e sfida gli oppositori: vedremo chi ha più voti.

Beppe Grillo ha pubblicato intanto sul suo blog il testo della mozione ed ha lanciato l’hashtag #SfiduciamolaBoschi. “Il conflitto di interessi del ministro Boschi è inaccettabile , scrive Grillo, e il governo deve fare gli interessi di tutti i cittadini non dei parenti e degli amici di premier e ministri”.