UltimaEdizione.Eu  > 

Le banche e la grande truffa dei diamanti. Imbrogliato anche Vasco Rossi

Le banche e la grande truffa dei diamanti. Imbrogliato anche Vasco Rossi

I dirigenti di cinque banche indagate a Milano dopo un’indagine su una presunta truffa a danno di investitori e risparmiatori, in violazione delle legge 231 del 2001, che ha al centro la vendita di diamanti. Queste le banche indagate: Banco Bpm, Unicredit, Intesa Sanpaolo, Mps e Banca Aletti.

Il Nucleo di Polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza ha sequestrato oltre 700 milioni di euro. Al centro della vicenda, secondo il procuratore aggiunto Riccardo Targetti e il pm Grazia Colacicco, vi sono le società Intermarket Diamond Business spa (IDB) e la Diamond Private Investement (DPI) accusate di aver ingannato i risparmiatori gonfiando il valore dei diamanti, con il supporto delle banche.

Vasco Rossi

Tra i clienti truffati vi sono anche il cantante Vasco Rossi, l’imprenditrice Diana Bracco, la conduttrice tv Federica Panicucci e la ex showgirl Simona Tagli.

L’inchiesta penale è scaturita a seguito degli accertamenti compiuti dall’Antitrust che ha già multato le società venditrici e le banche per un totale di oltre 15 milioni di euro.

Nell’ottobre del 2016, il programma tv ‘Report’ aveva confrontato i prezzi  dei diamanti venduti dalla IDB e dalla DPI con le quotazioni di Rapaport, il listino internazionale del settore rivelando che le pietre preziose vendute dalle due società avevano un prezzo doppio rispetto a quello vero di mercato .

Secondo l’Antitrust, gli istituti di credito costituivano il principale canale per la vendita dei diamanti svolgendo un  ruolo di intermediazione nel periodo 2012  2016.

Tra gli indagati dell’inchiesta della inchiesta giudiziaria vi è anche il direttore generale di Banco Bpm, Maurizio Faroni, cui vengono contestate le accuse di concorso in truffa, autoriciclaggio e ostacolo all’esercizio delle funzioni di vigilanza. Con lui, indagati anche altri dirigenti di Banco Bpm, oltre ai responsabili della società IDB e della DPI .

Vasco Rossi aveva investito circa due milioni e mezzo di euro in preziosi. L’indagine avrebbe rivelato per ora che sono circa  un centinaio di persone truffate, ma sembra che la truffa sarebbe stata compiuta anche nei confronti di numerosi altri soggetti.