UltimaEdizione.Eu  > 

Wimbledon: dopo 77 anni é Murray Il Regno Unito letteralmente impazzito. Quinzi fa grande l’Italia tra gli juniores

Wimbledon: dopo 77 anni é Murray  Il Regno Unito letteralmente impazzito.  Quinzi fa grande l’Italia tra gli juniores

Stasera la birra scorre a fiumi. Wimbledon finalmente riconquistato da un britannico. In realtà, più esatto sarebbe dire dallo scozzese Andy Murray. Erano 77 anni che l’intero Regno Unito aspettava il momento di festeggiare la consegna dell’ambito trofeo del tennis mondiale ad un suo concittadino. Andy Murray ha sconfitto in tre set – 6 4, 7 5, 6 4 – il serbo Novak Diokovic.

L’ultima vittoria britannica portava la firma di Fred Perry, nel 1936. Quello di Murray è stato un continuo avvicinamento ad un titolo tanto ambito. Aspirato da un intero Paese. Aveva, infatti, raggiunto la finale lo scorso anno ma fu sconfitto da Roger Federer.

Alle successive Olimpiadi di Londra, invece, fu l’opposto: lo scozzese si prese la rivincita sullo svizzero. Si cominciò a capire, allora, che Murray poteva farcela. E ce l’ha fatta. Provocando un’ondata di felicità nell’intero Regno Unito rimasto attaccato ai televisori per tutto il pomeriggio. Prima per la Formula 1 tedesca dove, purtroppo, l’inglese Hamilton non è riuscito ad onorare la conquista della seconda pole consecutiva.

Le bevute di birra di festeggiamento, però, sono più che mai salve perché la conquista del magico torneo sull’erba è una cosa di cui si parlerà si a lungo in tutto il Regno Unito.
Gianluigi Quinzi of Italy hits a return to Chung Hyeon of South Korea during their boy's singles final tennis match at the Wimbledon Tennis Championships, in London
Anche l’Italia esce da questo torneo di Wimbledon 2013 con una bella soddisfazione: si colora un po’ d’italiano grazie alla vittoria di Gianluigi Quinzi, 17enne mancino di Porto San Giorgio che ha vinto il trofeo destinato agli Junores. Non accadeva dai tempi di Diego Nargiso, che vinse nell’87 contro l’australiano Stoltenberg Quinzi, testa di serie numero 6 del tabellone è però il numero 405 del ranking Atp.

Ha vinto il suo primo titolo in Marocco. A Wimnledon ha sconfitto nella finale junior il coetaneo sudcoreano Hyeon Chung, numero 514 della classifica mondiale, col punteggio di 7-5 7-6 (2). Quinzi, vive e si allena fra l’Argentina e Miami, è diventato così il secondo azzurrino a vincere la competizione juniores maschile.

Antonello La Monaca