UltimaEdizione.Eu  > 

Torna lo “Scorpioncello”: “Pieeno le tranvate ma penzeno de vince!”

Torna lo “Scorpioncello”:  “Pieeno le tranvate  ma penzeno de vince!”

Quann’ero scorpioncino e nun ero ‘ncora Scorpioncello nonno mio me diceva sempre: beato er cojone che s’accontenta. Chissà che derebbe oggi a vedè li risultati elettorali de Roma nostra che, nonostante loro, è sempre bella. E tutti so’ contenti d’avè preso li voti anche se je ne sò rimasti in pochi.

Er Grillo, un po’ incazzato nero, c’ha messo ‘n par d’ore per riprendesse da la serciata che je ‘rivata ‘n fronte. Ma ora je tocca fa’ er contento pe’ nun ammoscià l’intero movimento! Ma come? – se deve esser da detto ar Casaleggio – non abbuscammo quasi er trenta per cento ‘n paio de mesi fa? Nun è ch’è tornato Varo e ch’ha fottuto le leggioni? Er Casaleggio nun je risponnea. Stava a gardà fora der barcone. Peppe insisteva: ma che c’hanno arrubato li voti come s’arrubeno li quadrini? Ma che monno è mai questo dove a Febbraio prendi er 30 e due mesi dopo non scavalli de’ morto le du’ dozzine?

Casaleggio continuava a guardà fora der barcone e se lisciava quer su’ ber capello. Forse penzava che er Grillo suo volesse da zompà de sotto per lo sturbo. Er Grillo, invece, zompava, sì, come ‘n matto, ma lontano dar davanzale. Nun è mica scemo! Gridava e rigridava che voleva fa la su’ dichiarazione: “Varo! Varo!!!!! arridamme li voti mia che sennò qui c’esce la rivoluzione”. E camminava avanti en dietro come un leone ‘n gabbia che aspettava de fa la colazione.

casal3 gianroberto-casaleggio-167332Poi, siccome l’artro, er Casaleggio, non moveva ciglio, er sor Beppe se carmò e’n curiosito je fece: “a Casalé nun tè sturbà che io scherzo. E’ bello proprio perde come abbiamo perso noi. Er nostro sì che è proprio un ber floppe. Meje de così nun sa perde proprio nessuno”. Er Casaleggio ebbe un moto. Sembrò reuscità. Se risvegliò ‘n momento e smise de guardà de fora: ”Beppe ma che ce frega che tanto nun ce semo candidati, noi”. Poi, co granne precauzione se ne uscì da fora der barcone. Stette a guardà e fece ‘n sospirone: “Meno male che lo zunami nun c’arriva qua, a noi, che semo ar quarto piano”.

E sotto quer barcone stava a passa n’artro vincitore. Lo chiameno Alemanno e fa ancora il sindaco de Roma. Lui s’aspettava un viaggio trionfale en’vece je finita male. Ma lui è contento perché je sembra che la gente je vole bbene: “non so iti a votà perche c’era er derbby”. Sì perché li romani so troppo bboni. Pur de nun fasse disturbà je danno l’impressione che stevano solo ad riaspettà lui, pe fallo arricomandà e risalì ar Campidoglio.
Cinque annui fa se fecero n’catà pe’er casino che combinò Vertroni. Vartere non aveva capito un ciufolo e da gran stratega perse l’elezioni. Doveva d’andà in Affrica ma lui nun riesce arrittrovà er bietto della prenotazione.

Er fatto gli é che li ‘romani vojono solo er quieto vivere. Ma dopo cinque anni, ‘mpararono che pe’ quieto vivere se po’ finì pure pe morì, in certe situazioni. E allora se coalizzarno e andiedero nelle urne quatti quatti. Nun c’andiedero in troppi: solo la metà pe nun fa la caciara der casino. Nun era stenzionismo. None!, voleveno solo nun fasse scoprì che stavano per dare na travata all’ecchesse fascio ‘mborghesito c’er comune d’amichi sua aveva bello che riempito.

Se vede che la tranvata l’ha preso ner punto giusto perché lo trovonno, dico l’ Alemanno, che ciondolava, appunto, sotto er barcore del Grillo mentre diceva: “ io c’è credo! C’è credo! C’avete da credemme che c’è credo!”. Quelli che passaveno vicino casal10 alemanno3-300x200se misero a vede se ce fusse stata n’apparizione de quarche santo. Che, allora, de’miracolo se doveva da trattà. Mentre cerconno de capì, lo sentinno dì: “Ce credo! Ce la posso fa a battere Marino!”.

Allora quelli che tutti eran romani, e nun erano carogne come li leghisti co’ li forasteri, je dissero: “Ah ‘Lemà nun ce penzà. Nun te ce fa er sangue ‘maro. Ma vedi d’andattene alla sverta che è mejo pe tè e tutti li tui cari che sennò je tocca, quelli dell’atacche, a guidà il tramve e quelli dell’Acea a spegne li moccoli”.
L’Alemmanno peròr nun se convinceva e nun ce vole stà. Da solo se mise a camminà cercava l’urne dove, adesso, a noi ce tocca d’arrivotà!

Nun ve la piate! Nun ce fate caso so solo no scorpioncello! Non fate caso manco al romanesco. Come tanti romani vengo dal Nord ma a me me piace parlà romano….anche se a modo mio!

Lo Scorpioncello