UltimaEdizione.Eu  > 

Torna lo “Scorpioncello”: cò ‘sta Pellegrini e ‘sto Ingroia ci avete fatto proprio du’ zampogne!

Torna lo “Scorpioncello”:  cò ‘sta Pellegrini e ‘sto Ingroia  ci avete fatto proprio du’ zampogne!

Me devo essere arzato proprio storto perché nun me va bbene proprio gniente de quello che ho già letto stamattina. Scorpioncello vostro è proprio ‘ndolenzito. Forse sarà sta pietra dura dov’ho dormito stravaccato per cancellà li stravizi dell’atra notte.

Vedo che la Pellegrini mò arricambia. Manco Magnini sembra ‘ndà più bene. Se dice che c’è ‘ncugino per lo mezzo…Lei smentisce a dà la corpa ar gossipe. E certo! Mò sto gossipe se mette a girà e a riggirà pe perde tempo dietro a te che stai bbona e nun fai casini. Er gossipe, ‘nvece, ariva se te metti in mezzo e te fai notà. Dico notà ner senzo del giornale no della vasca dove te piace stare.

All’olimpiade fra te, er tue ex, er nuovo ex che, poi, era ‘r Magnini, c’avete fatto due… zampogne. E mò arricambi l’alenatore e con l’alenatore cambi omo. Ah Pellegrì e poi dai la corpa ar gossipe? E datte na carmata. E soprattutto non fa comunicati pé ogni cavallina che vai a sartà. Sennò er gossipe t’arrriva ‘n dosso e te fa tuttà disturbà.

Poi, me toccato legge che Ingoia s’è deciso ad andà ad Aosta. Mo sì ! che so …fari tua. Sai tutta la Mafia che trovi tra le montagne. Li spacciatori de Fontina o li tanti Ar Capone che ‘nvece dello uischi te fanno distillà er Genepì.

pellegrini10 ingroiaEppure pare che la Mafia verso er Nordde se ne ita pekké je avevi fatto un secchio giù in Sicilia…Adesso, a Curmaiere e Santvinciant( come se dice dove stanno tutti a giocà st’assatanati) l’hanno saputo e sai che hanno detto: e che palle! Mo, che sto ciesseemme ce doveva fa venì a rompe e palle pure quassù. A li mortaci vostra che pè noi, ‘Groia, poteva stassene laggiù.

Comunque lui, er giudice ricciuto, s’è finalmente fatto na raggione. Er Tare nun ja dato la raggione perché er ciesseemme lo potea mannà dove voleva e ‘ndove lui nun sera presentato all’elezione.
“Obedisco”, jè toccato da di mentre er “ che palle” rimbombava su pé quei monti dove li contrabbandieri nun c’hanno più nulla da contrabbandà. Ma sai le murte lungo l’autostrada. Su quello l’esperienza dell’Ingroia vedrai che primo o poi trionferà.

Poi che arto o letto che ma fatto subbito disturbà de primo giorno. Ah, sì. Dice che er Letta, er nipotino che, allora se potrebbe dì er Lettino, c’ha poco de gradimento dell’italiani.
Nun c’ha quei voti che li sondaggi danno sempre ar Berlusconi (ma stamo a scherzà? Lui sì che è sondaggiato per benino) o pure ar professore, quello cor loden, come se chiama: er Monti. Tutto austero. Oh, ma austero per davero, ‘r più austero d’Europa!

Anche lui, dico l’Austero, schizzò a pieni voti co tanti applausi de l’italiani e poi se ritrovatò che nun se sa se sta peggio lui or Casini. Però Monti sta ancora co la moje sua che nu c’ha ‘nterferenze filippine. Ma Scorpioncello vostro se sta a chiede: ma voi vedé che Lettino nostro, partito zitto zitto, fa ar contrario de tutti li più artri artilocati che fino ad oggi c’hanno solo smutandati?
Nun ve la piate! Nun ce fate caso sò solo no scorpioncello! Non fate caso manco al romanesco. Come tanti romani vengo dal Nord ma a me me piace de parlà romano….anche se a modo mio!

Lo Scorpioncello