UltimaEdizione.Eu  > 

Sorpresa su Marte: non c’é il metano. Da rivedere molte teorie

Sorpresa su Marte: non c’é il metano. Da rivedere molte teorie

Dalla Nasa, o meglio dal “laboratorio” marziano “Curiosity rover”, atterrato dentro il cratere Gale su Marte nel mese di agosto 2012, viene una notizia che smentisce tutto quanto è stato scritto finora: su Marte non c’è traccia di metano. Una vera e propria sorpresa per i ricercatori, lo si ammetta anche sul sito dell’Agenzia spaziale americana, perché i dati precedenti di scienziati americani ed internazionali indicavano il contrario. C’é da rivedere molte cose sulla teoria della presenza di vita sul Pianeta Rosso.

Il laboratorio itinerante marziano ha effettuato numerosi test per la ricerca di tracce di metano nell’atmosfera marziana perché la sua presenza potrebbe costituire un segno potenziale di vita, anche se si sa che il metano può essere prodotto senza l’azione di interventi biologici.

“Questo importante risultato contribuirà a indirizzare i nostri sforzi per esaminare la possibilità di vita su Marte”, ha detto lo scienziato Nasa Michael Meyer il quale aggiunge che “si riduce la probabilità di presenza di microbi marziani produttori, ma questo riguarda solo un tipo di metabolismo microbico”.
marte ambiente
“Curiosity rover” ha analizzato, a partire dall’Ottobre 2012, per sei volte campioni dell’atmosfera marziana utilizzando lo spettrometro laser sintonizzabile, senza rilevare il gas. Gli scienziati calcolano che la quantità di metano nell’atmosfera marziana potrebbe essere inferiore a 1,3 parti per miliardo, circa un sesto di quanto considerato da stime precedenti. I rapporti precedenti sulle concentrazioni di metano che avevano rilevato fino a 45 parti per miliardo su Marte erano basati su osservazioni fatte da Terra o da un’ orbita attorno a Marte.

L’obiettivo, adesso, è quello di dotare il laboratorio gestito dal il progresso Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena di strumenti utili a verificare la presenza di metano a concentrazioni inferiori a 1 parte per miliardo.

John De Giorgi

Ultimo filmato su “Curiosity rover”