UltimaEdizione.Eu  > 

Olimpiadi internazionali dei corpi militari Alpini dal 27 al 31 Gennaio in Piemonte

Olimpiadi internazionali dei corpi militari Alpini dal 27 al 31 Gennaio in Piemonte

Dopo quarant’anni le Olimpiadi invernali in grigioverde abbandonano lo scenario dell’Alto Adige per tornare in quello piemontese delle bellissime piste della Via Lattea. Un comprensorio sciistico che abbraccia le località di Sestriere, Pragelato e Claviere. Un’occasione per mettere in mostra non solo l’alto grado di addestramento raggiunto dalle truppe italiane da montagna, mettendole anche in competizione con le rappresentative estere, parteciperanno oltre 1000 atleti di 16 nazioni diverse, ma anche per far conoscere a livello europeo e mondiale il panorama turistico di una delle più belle regioni italiane.

Dal 27 al 31 gennaio, infatti, tra i panorami mozzafiato della Val Chisone e la Val Susa, i soldati con la penna si daranno battaglia sportiva e agonistica per mostrare il grado raggiunto in fatto di mobilità in ambiente innevato, mostrando anche le capacità di sopravvivere in ambiente montano.

Le gare, presentate dal Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, gen. Claudio Graziano e dal Comandante delle Truppe Alpine, Gen. Alberto Primiceri, saranno valevoli per la Coppa Europa di sci alpino femminile.  Slalom e gigante.  Per la prima volta, poi, nelle gare, inserite nella manifestazione, è stata prevista anche la competizione nella ricerca di travolti nella valanga e successivo trasporto feriti.

L’importanza della rassegna è stata messa in risalto anche dai sindaci delle tre località che ospiteranno l’evento Walter Narin di Sestriere, Gianni Arolfo, di Pragelato e Franco Capra, di Claviere che hanno rilevato l’attenzione di come il territorio segua con attenzione questa importante attività addestrativa.

alpini olimpiadi

Di contorno alle Olimpiadi in grigioverde il rafforzamento dei legami di collaborazione tra la Brigata Alpina Taurinense e la ventisettesima Brigata di fanteria di montagna dell’Esercito francese con la quale è in atto lo sviluppo e la realizzazione di una Brigata comune la cui piena operatività sarà raggiunta nel 2015.

Enrico Barone