UltimaEdizione.Eu  > 

Calvizie ed aspetti psicologici

Calvizie ed aspetti psicologici

In un mondo che dà sempre più importanza all’immagine, condizioni come quella della calvizie possono creare davvero moltissimi problemi. La caduta dei capelli può infatti portare estrema insicurezza, e problemi nei rapporti con gli altri, soprattutto quando sono le donne a trovarsi in questa condizione. Per questo motivo le ricerche scientifiche si stanno muovendo per risolvere questo problema.

La calvizie non è solo un problema estetico. Spesso, infatti, questo fenomeno porta con sé riflessi psicologici importanti, che si amplificano soprattutto quando a esser colpite dalla perdita dei capelli sono le donne.

Alopecia femminile, un fenomeno di cui si parla poco

Ancora se ne parla poco. La calvizie, nella sua forma più diffusa, l’alopecia adrogenetica, colpisce anche le donne, in fasi diverse della vita e per cause diverse. Un colpo diretto a un simbolo della femminilità: i capelli. I capelli vanno via via diradandosi e il cuoio capelluto diventa visibile. Può accadere per un aumento della caduta dei capelli, come nel caso del telogen effluvuim, o per una riduzione costante del loro spessore, come per l’alopecia androgenetica.

Le tre varietà di alopecia femminile

Esistono tre diverse tipologie di calvizie che interessano soprattutto le donne. La prima è la varietà detta “a albero di Natale”. Interessa soprattutto le adolescenti e colpisce la parte centrale della testa, assumendo forma triangolare. La seconda è la forma di tipo Hamilton, presente soprattutto nelle donne in menopausa. Si manifesta con stempiatura e diradamento del vertice del cuoio capelluto. L’ultima è la varietà Ludwig, che ha tre diversi livelli progressivi di gravità. Si manifesta con diradamento uniforme della sommità del capo.

Un colpo alla fiducia in se stessi

A qualsiasi tipologia appartenga, l’alopecia o per meglio dire la calvizie colpisce duramente la fiducia in se stessi. Vale, di certo, soprattutto per le donne. Nell’immaginario collettivo, infatti, una chioma lucente, sana e folta è sinonimo di femminilità e sensualità. Vederla subire, giorno dopo giorno, pesanti attacchi è davvero difficile da accettare. Ma anche gli uomini possono subire contraccolpi piscologici. Fare i conti con l’avanzare della calvizie non è facile e si teme, spesso, di non essere più accettati dagli altri a pieno. Un segnale di una forte insicurezza che va curata attraverso il supporto di medici specializzati.

È possibile mettere un freno alla calvizie?

È una domanda a cui la scienza sta cercando di rispondere da tempo. tante le cure sperimentate e le soluzioni elaborate. Oggi, nei laboratori della clinica specializzata nella cura dei capelli Hair Clinic, si sta portando avanti un’innovativa cura per la calvizie che sta dando risultati molto incoraggianti. Si tratta di un protocollo avanzato basato sui principi della medicina rigenerativa che, attraverso il ricorso alle cellule staminali, riesce a invertire la rotta e a riportare in attività follicoli considerati ormai privi di vita. In poco tempo, infatti, si assiste a una naturale ripresa dell’attività di follicoli in aree della testa in cui si è già avviato un processo di miniaturizzazione o caduta del capello. Una risposta concreta a un problema che affligge un numero crescente di donne e uomini.

Trattamenti naturali sono utili?

Gravi forme di calvizie richiedono un intervento specialistico, come quello che trova i suoi pilastri nella medicina rigenerativa. Esistono, poi, alcune piante che possono aiutare e le cui componenti sono utilizzate come coadiuvanti nelle diverse terapie. In particolare, vengono utilizzati i fitosteroli, inibitori della 5 – alfa reduttasi. Sono presenti anche negli oli vegetali, nella frutta secca e nei cereali. Alla base di alcune forme di calvizie, poi, può esserci una carenza di oligoelementivitamine e amminoacidi. È il caso del ferro o del magnesio, della vitamina D. zinco e acido folico, insieme con la vitamina A, invece, se in eccesso, possono danneggiare il capello e renderlo facilmente soggetto a caduta.

Angelo Vargiu