UltimaEdizione.Eu  > 

Altro Boeing 787 costretto al rientro a terra Questa volta all’aeroporto Usa di Boston Trovate, però, le cause dei disservizi del jet

Un Boeing 787 Dreamliner, della Japan Airlines è rientrato all’aeroporto ‘Logan International” di Boston poco dopo il decollo per un avviso proveniente da un indicatore meccanico . “Il pilota ha deciso di tornare indietro per un eccesso necessario di cautela”, ha detto il portavoce dell’aeroporto Richard Walsh.

Un portavoce della Japan Airlines ha confermato la notizia senza fornire, però, ulteriori dettagli e limitandosi a dice che “come misura precauzionale standard, a causa di un indicatore di messaggio di manutenzione, l’aereo del volo JL007 diretto a Tokyo-Narita sta tornando a Boston Logan per i controlli”.

Le azioni della Boeing sono calate dell’ 1,7 per cento non appena si è avuta notizia dell’ accaduto. Cosa che riflette le preoccupazioni persistenti circa questo modello di Boeing che, dopo il ripetersi di vari analoghi incidenti, é finito sotto inchiesta soprattutto dopo l’incendio scoppiato a bordo di un 787 dell’Ethiopian Airlines parcheggiato all’aeroporto di Heathrow la scorsa settimanache ha portato entrambe le piste del principale aeroporto europeo alla chiusura per 90 minuti .

L’Air Accidents Investigation Branch (UIIA), intanto, ha localizzato la causa dell’ incendio. E’divampato vicino al Locator Transmitter emergenza del velivolo, dispositivo utilizzato per aiutare i soccorritori a trovare un aereo se, per esempio, è costretto ad ammarare in mare. Il dispositivo, realizzato da Honeywell, è alimentato da una batteria al litio manganese, che potrebbe aver subito un corto circuito la scorsa settimana.

A seguito dell’indagine, la AAIB ha esortato la Federal Aviation Administration (FAA) statunitense a far controllare dalla Boeing, e per il momento a non utilizzarli a bordo dei velivo, i fari installati sulla sua flotta Dreamliner finché non saranno nuovamente considerati idonei al volo.

Tuttavia, questo non porterà a una messa a terra generalizzata dei 68 Dreamliner attualmente in servizio con 13 compagnie aeree come accaduto all’inizio di quest’anno quando 50 Dreamliner sono stati bloccati su istruzioni della FAA a seguito di una serie di incendi, che avevano sollevato preoccupazioni per le batterie agli ioni di litio nel sistema di alimentazione principale del velivolo.

Secondo il rapporto AAIB ci sono circa 6.000 fari simili in uso sugli aerei di tutto il mondo. Anche se i segnalatori di pericolo sono spenti sulle Dreamliner, l’aereo sarà ancora rintracciabile e visibile in caso di emergenza.

Un portavoce della Boeing ha dichiarato che la compagnia ha accettato le raccomandazioni del AAIB:”Stiamo lavorando attivamente per sostenere le autorità di regolamentazione nel prendere azioni appropriate in risposta a queste raccomandazioni, in coordinamento con i nostri clienti, fornitori e altri produttori di aerei commerciali”, ha detto un portavoce. Siamo certi che la 787 è sicuro”.

John De Giorgi