UltimaEdizione.Eu  > 

GENTILONI E LE PRIORITA’ PER IL SUD … DIMENTICATO di Ugo Grippo

GENTILONI E LE PRIORITA’ PER IL SUD … DIMENTICATO  di Ugo Grippo

Una delle prime visite in periferia il Presidente Gentiloni  l’ ha dedicata a Pompei, accompagnato dal solerte Ministro Franceschini.

Ma ciò che più ha destato interesse nei meridionali è di aver puntualizzato che il Sud del Paese rappresenta l’obiettivo prioritario dell’impegno di governo.

I meridionali oramai sono sospettosi e si sentono traditi da vaghe promesse non mantenute per riequilibrare le due aree geografiche del Paese e perciò hanno votato contro le riforme del governo Renzi.

Per rilanciare il Mezzogiorno il premier sa bene che occorrono piani operativi, infrastrutture adeguate, ed attività produttive ,scomparse in larga misura con la liquidazione dell’IRI.

Non intendiamo, certo, risuscitare l’IRI ma dobbiamo pur ricordare che nel Sud l’attività preminente è stata sempre l’edilizia dove il lucrare è sempre più immediato e, quindi, quando si è inteso privatizzare, sotto la spinta dell’allora Partito Comunista ,l’industria di Stato non ci sono stati imprenditori interessati a rilevare tali attività.

Tutto è stato trasferito al Nord creando ulteriori disagi anche all’indotto.

Così il Mezzogiorno ha pagato il prezzo con  cinquecentomila circa posti di lavoro.

Ma il Mezzogiorno è stato privato anche degli istituti bancari nati per assecondare i processi di sviluppo.

Difatti quando due banche erano in difficoltà: il Banco di Napoli, nel cui consiglio erano presenti anche amministratori locali (sindaci etc) e la Banca Nazionale del Lavoro, il Ministro del Tesoro disponendo dei fondi della Artigiancassa, essendo l’unico azionista non esitò a salvare la Banca Nazionale del Lavoro e non il Banco di Napoli, dato per poco in pasto ad altri colossi.

Ma il presidente Gentiloni non sa che il suo Ministro delle Infrastrutture il più antimeridionale, ha ritenuto con estrema leggerezza eliminare l’unico aeroporto meridionale previsto dal piano degli aeroporti  quello di Grazzanise, dotato di tutti i permessi possibili, sostituendolo con quello di Venezia.

L’aeroporto di Capodichino per la presenza del Monte Somma non potrà mai allungare la  sua pista ed i grandi aerei intercontinentali non potranno mai atterrare ,determinando anche per il turismo gravi danni economici.

Il Mezzogiorno ha bisogno di interventi urgenti razionali  e non occasionali e non può certo svilupparsi solo  con il turismo.

Banco di Napoli

Banco di Napoli

Noi ci auguriamo che i problemi del Mezzogiorno e di Napoli tornino ad essere prioritari.

E non ci riferiamo solo al problema del mantenimento dell’ordine pubblico e alla lotta degli organi di polizia contro mafia, camorra, ndrangheta, ma soprattutto alla mancanza di un serio progetto di sviluppo ed all’assenza di una classe dirigente in grado di essere guida illuminata nel governo della complessa realtà del Mezzogiorno.

La classe politica deve essere consapevole che non si può detenere il potere senza governare.

Perché governare significa scegliere, decidere, assumere responsabilità , rispondere del conseguente, dei risultati.

Per ottenere risultati bisogna conoscere, quindi, stabilire programmi, metterli in processo,discuterli,verificarli,rompere interessi consolidati.

Noi ci auguriamo che Gentiloni, senza l’arroganza   del suo predecessore, sia conseguente alle dichiarazioni rese in Parlamento ed altrove.

 Ugo Grippo