UltimaEdizione.Eu  > 

Torna “Lo Scorpioncello”: è resuscitata la “Discussione” fondata da Alcide De Gasperi Emilio Fede è il Direttore: ma “che ci azzecca”?

Torna “Lo Scorpioncello”:  è resuscitata la “Discussione”  fondata da Alcide De Gasperi  Emilio Fede è il Direttore:  ma “che ci azzecca”?

T’arzi ‘na matina che c’avresti tanta voja de sta tranquillo. De fatti l’affari tua. Magari d’annà ar mare perché è festa de Pietro e Ppaolo e Roma tua se svota perché so’ arrivati li sordi de’ fine mese e la gente po’ ricomincà a mette la benza nel serbatoio de la machina. Però te tocca da passà davanti al giornalaio che te’ ferma e te’ vole da rifilà la Discussione. La Discusione?!! Ma che cos’è sta’ Discusione che già se discute tanto en sto paese come se pe ogni chiacchera ce dessero n’euro per ripianà ed debbito pubbrico.

E chiacchera er Brunetta che poi Berlusca lo sputtana subbito subbito: i miei amichi che parleno, ha detto er bosse, lo fanno tanto per stimolà. Hai capito Bruné? Te c’hai che solo da stimolà. Nun te prenne troppo sur serio. Nun te tirà su, da solo, pe’ le bretelle, che tanto manco t’arzi più de tanto. Lo stesso se potrebbe da dì ar Gasparri che, appena pò, le su “parolate” a’ rota libbera le spara fresche fresche. Ma anche lui serve a stimolà. Se lo sa la Dorce Eukexsina, Gaspà, a te e ar Brunetta ve fa causa perché a son de stimolà je tojete i clienti che…ce vanno da soli ar cesso…nun appena ve sentono de’parlà.

Poi, adesso, sai che nova c’è? Arritorna Forza Italia. Cor “P di Elle” abbiamo scherzato. “Elle” se deve mettere l’animo in pace che er “P” jelo tojemo per tornà a Forza Italia. Eppoi, se ne so iti tutti. Casini se ne’ ito a ffa casini da nartra parte… ‘N fatti pure Monti ha tramortito. Ma nun è che porta pure sfiga e fa’ perde l’elezioni a tutti quanti? Quarcuno dice che ora per questioni filippine nun va più manco bene cor socero paperone.

Fini se né ito, ha fatto karakiri, e adesso nun sta più ner Parlamento. Ce so certe voci ‘ngiro, ma certe voci!, che nun sono proprio belle. Nun è che de mezzo ce sta na fondazione che nun c’ha più li sordi d’una vorta? Boh! Staremo a vede, disse er cieco. Così er Berlusca se comincia a toje er sassolino der “P di Elle”. Che però l’aveva vorrsuto lui, da solo. Se l’inventò sur predellino. O che lo Scorpioncello vostro se ricorda male perché, tutto a ‘n tratto, sé rincojonito? In ogni caso er Berlusca è stato chiaro: torna Forza Italia, ma comanno sempre solo io! Essi vede che sarà lui a decide quanno lascià er posto alla Marina, visto che lui ha scoperto che, attorno, nun c’ho proprio gran statisti. Ma ora nun è ancora er caso da dillo che lascia er posto alla fija prediletta.

fede2Ma torniamo alla Discusione che anche questo c’entra cor Belusconi. E’ si. Perché un certo Catone, ecchese deputato, ecchese portaborse de Buttiglione, ecchese di un sacco de cose, se ci so li sordi de mezzo, un giorno ha deciso che la Discusione è sua e l’ha riaperta sta Discusione. Nun se sa se è proprio davero sua ma se sa che lui fa come je pare co sta Discusione. Così quarche mese fa l’ha prima chiusa. Ha mannato tutti a casa senza pagà nessuno. Nun s’é capita benne st’operazione. Se c’è de mezzo er contributo pubblico. Nun s’è capito se l’ha trasformata in coperativa… Poi , dicheno, ha pprovato a riassumé i ggiornalsiti nun pagati per lavorà de novo ner giornale e chissà che quarcuno nun c’è cascato pé bisogno.

Sto ‘ggiornale lo fonnnò De Gasperi per fa parlà ‘npoco la gente der partito. Certo lui, dico er De Gasperi, penzava de fa parlà e raggionà gente che se chiamava Moro, Dossetti, Fanfani. Nun penzava proprio a uno che se poteva chiama Catone. Che, poi, è forse discennente der “Censore”? Boh! Lui, questo è sicuro, é stato censurato … ma dar Tribbunale. Prima j’anno dato ott’anni. Ha fatto bancarotta de due società. Poi, visto che fora dar Parlamento nun conta più un…ciufolo se so fatti ‘ntenerì(poi vaj addi che i ggiudici so carogne..) e janno ridotto a quattro anni la condanna. Però, come ar Berlusca, janno appena dato l’interdizzione de’ cinqu’anni da pubblici uffici. Allora, Catone s’é detto: devo da fa ‘na gran penzata. Devo da chiamà ‘n grande giornalista, cattolico, per bene ed osservante. Devoto alla famija e a Berlusconi cor quale me ce devo riavvicinà doppo che me so fatto convince, come un cojone, d’annà cor Fini che in un minuto s’è sparato tutto pe dà retta al giovane Bocchino.

E volete sapé chi ha scerto: Emilio Fede. No, nun sto a scherzà! Ha scerto Sciupone l’Affricano, l’Ammojato speciale. Chissà come lo chiameno la prosima settimana quanno ariva la sentenza de Milano. Quella dove dicheno che lui, er Lele Mora e la Minetti gnuda, o mezza gnuda, stavano a portà o a non portà mignotte a tutto spiano. Inzomma er secondo processo Rubby, la nipote der Mubarack, der Dalai Lama, der sor Putin e pure de su nonno… che forse questa è l’unica cosa da nipote giusta.

Catò: proprio ‘na gran bella scelta! Nun c’è da dì. Nun se capisce solo perché er giornale de voi demo cristi deve esse diretto dar Fede, quanno già c’avevi en bravo direttore. Poi, er Fede era un “sessualdemocratico”..no vojo dì socialdemocratico e che c’entra lui? La Discusione, come avemo già detto, era stata fondata nondimeno da quer grand ‘omo demo cristo che se chiamava Arcide de Gasperi e che rimise in piedi l’Itallia dalle rovine della guera. Che c’azzecca Fede co’ De Gasperi è così poi tutto da scoprì! Forse che, Catone!, speri de sommà l’anni de reclusione e de vince en premio ‘n po’ speciale all’occhi der padrone?

Aho! Lo Scorpionello de oggi finisce qua che già sè sturbato abbastanza su’ sta storia. Poi, Lo Scorpionello vostro s’è accorto che ha scritto tutto ‘nvano perché c’era già pronto ‘n pezzo “strano” che raccontava tutto con tanta ironia, fresca e delicata, su stà storia. Sapete dovve l’ho trovata? Sulla Discusione er giorno della presentazione. Robba da morì, nun sai, se dar ridere o dar piagne:

fede3“Giampiero Catone, tutor della storica testata, ha presentato il timoniere del progetto, Emilio Fede, che metterà l’esperienza di un’intera vita da giornalista, quello vero, “di strada”, come lui stesso ha più volte ribadito nel corso della conferenza, al servizio della buona informazione. Ad affiancarlo ci sarà Alberto Maccari, direttore del TG1 fino allo scorso anno, che ha puntualizzato l’orientamento del settimanale, definendolo “moderatamente moderato”, dai toni pacati, chiari ma senza scadere nel puritanesimo, con una forte ideologia alle spalle. La nuova edizione de “La Discussione” si avvarrà anche dell’apporto di firme importanti e di collaborazioni esterne.

Catone ha poi sottolineato l’impegno di occuparsi delle frange abbandonate del sociale – tale il compito che il giornale si è sempre assunto – offrendo “un megafono” a chi non ha voce, e ha espresso la speranza di diventare i futuri referenti di tutti coloro che nelle ultime elezioni hanno optato per l’astensionismo. Il direttore Emilio Fede si è mostrato orgoglioso dell’incarico, “un’eredità difficile” l’ha definito, non solo coronamento della sua carriera, ma anche nuova sfida nel nome del giornalismo serio.

“Onestà di comunicazione sarà la nostra parola d’ordine” – ha dichiarato – “un valore ormai perduto tra le chiacchiere e i pettegolezzi che oggi si leggono in tutti i quotidiani”. E per il primo numero sono già previsti quattro articoli scritti da penne d’eccezione e tre interviste inedite. Fede al riguardo è stato evasivo, ma non ha potuto trattenersi dall’anticipare un nome tra tutti: Silvio Berlusconi”.

‘N zomma uno scerto a caso ner monno dei “moderatamente moderati”. Ma ‘n dove volete da andà? Ma cchi state a cojonà? Questo verebbe da chiede allo Scorpionello Vostro se nun fosse festa a Roma.

Aho! Aspetta. Me scordo la cosa più bella che ve devo da dì: sur primo nummero der ggiornale nun c’era scritto quanno costa. Forse se vergogneno de fasse paga? Manco er ggionalaio lo sapeva. Je veniva quasi da ridé e se peritava de chiede quarcosa. Poi, guardamdo er fojo de’ consegna der distribbutore ha letto: 1 euro. Quarcosa, purtroppo, tocca pure da daje se voi legge st’ Onestà de communicazzione….

Nun ve la piate! Nun ce fate caso so solo’no scorpioncello! Non fate caso manco al romanesco. Come tanti romani vengo dal Nord ma a me me piace parlà romano….anche se a modo mio!

Lo Scorpionello