UltimaEdizione.Eu  > 

Inchiesta Fonsai: in carcere Ligresti padre e i suoi tre figli arrestati anche gli amministratori del Gruppo.

Inchiesta Fonsai:  in carcere Ligresti padre e i suoi tre figli  arrestati anche gli amministratori del Gruppo.

Arrestati dalla Guardia di Finanza Salvatore Ligresti e i suoi tre figli, Paolo, Jonella e Giulia Maria, per il momento ai “domiciliari”. In carcere anche gli amministratori del Gruppo assicurativo Fonsai, costola della capogruppo Fondiaria Sai, in corso di fusione con Unipol. Si tratta di Fausto Marchionni ed Emanuele Erbetta, oltre l’ex vice presisente pro tempore Antonio Talarico. Le accuse sarebbero falso in bilancio, aggiotaggio e turbativa di mercato. Un colossale “buco” da oltre 800 milioni di euro sottratto fraudolentemente dai fondi di riserva assicurativi.

Le indagini, condotte dalla Procura di Torino, sono state avviate un anno fa. La compagnia assicurativa del gruppo Ligresti sta tentando in questi mesi la fusione con Unipol, ma già, nel maggio scorso, quattordici avvisi di garanzia erano stati notificati 14 avvisi di garanzia.

almaata5Tra gli indagati Vincenzo La Russa, fratello del politico Ignazio, i membri del comitato esecutivo di Milano Assicurazioni e, in virtù della normativa in tema di responsabilità amministrativa degli enti, la stessa società e la capogruppo Fondiaria Sai. Ma anche a Milano il sostituto procuratore Luigi Orsi ha aperto un fascicolo sulla scalata al gruppo che vede il costruttore siciliano, i suoi figli e l’amministratore delegato di Mediobanca, Alberto Nagel, accusati di ostacolo agli organi di vigilanza per il presunto patto occulto tra Mediobanca e la sua famiglia.

Nel febbraio scorso, la Guardia di Finanza aveva già fatto visita alla famiglia un tempo proprietaria di Fondiaria-Sai. Nell’occasione erano state perquisite le abitazioni dei figli di Salvatore Ligresti, Jonella, Giulia Maria e Paolo, e degli ex dirigenti finiti in carcere. Una perquisizione aveva riguardato anche l’abitazione di Vincenzo La Russa.

La famiglia Ligresti “ha presidiato” per anni alcuni punti nevralgici dell’economia italiana, in primo luogo Mediobanca e il Corriere della Sera. Da un punto di vista politico è noto il legame con Alleanza Nazionale, in consiglio di amministrazione sono presenti i La Russa, mentre in passato il “patron” Salvatore era stato molto vicino ai socialisti di Craxi.

Red