Usa e Coronavirus: “ingiustizia” a danno delle donne di colore e latino americane, mentre aumenta la povertà

Usa e Coronavirus: “ingiustizia” a danno delle donne di colore e latino americane, mentre aumenta la povertà

Le donne nere e quelle latino americane vivono alti tassi di povertà, disoccupazione, cattive condizioni di salute e difficoltà materiali, dovute in gran parte al razzismo istituzionale e al sessismo, e le attuali crisi sanitarie ed economiche hanno aggravato queste condizioni. Oltre allo stress derivante dal tentativo di assicurare il cibo necessario alla famiglia, pagare l’affitto e le utenze, molte vivono nella paura di contrarre il Coronavirus e devono assumersi maggiori responsabilità nell’educare i propri figli.

I neri e i latini hanno circa tre volte più probabilità dei bianchi di contrarre il COVID-19. Quasi i due terzi delle donne latine e oltre la metà delle donne di colore con entrate inferiori ai  35.000 dollari dichiarano di aver perso il reddito da lavoro dall’inizio della pandemia; circa un terzo delle donne nere e latine ha mancato il pagamento del canone di locazione a maggio o lo ha pagato in ritardo, e quote ancora più grandi hanno temuto di non essere in grado di pagare l’affitto di giugno. Questi i dati raccolti da LIFT, un’agenzia statunitense impegnata socialmente, che ha analizzato i risultati di un censimento realizzato dal United States Census Bureau alla fine della settimana terminata lo scorso 23 giugno.

Le principali misure di soccorso adottate finora durante la pandemia, come le espansioni dell’assicurazione contro la disoccupazione e dell’assistenza alimentare e dei pagamenti di stimolo, hanno mitigato le difficoltà di alcune famiglie, ma ne hanno lasciate indietro altre perché non considerate ammissibili o non hanno navigato con successo nei complicati processi richiesti via Internet per riceverle. ( Per la lettura completa del rapporto LIFT CLICCA QUI  )

Intanto, giungono i dati sul diffondersi della povertà che emergono dalla distribuzione dei buoni pasto per i più poveri. Li rende noto il Center on Budget and Policies Priorities . La crisi economica provocata da COVID-19, dice un suo recente rapporto, ha fatto sì che da sei a sette milioni di persone in più hanno fatto domanda per ricevere assistenza alimentare da parte dello Snap ( Supplemental Nutrition Assistance Program ), il Programma pubblico di assistenza nutrizionale noto anche come Food Stamp Program.

Le autorità stanno pensando ad un aumento generalizzato del 15% dei benefici collegati allo Snap all’interno delle misure previste dopo il Coronavirus per lo stimolo economico necessario a sostenere l’economia.

Secondo i dati sull’utilizzazione degli aiuti Snap elargiti dal Dipartimento dell’Agricoltura nel solo marzo 2020, il primo mese in cui gli Usa hanno iniziato a sentire gli effetti economici della pandemia, la crescita è stata di oltre un quarto di milione di persone a febbraio. Le cifre ancora da completare per i mesi di aprile e maggio mostrano aumenti ancora maggiori.

Il numero di persone che si avvalgono degli aiuti assicurati dallo Snap  è passato dai 36,9 milioni di febbraio a oltre 43 milioni di maggio.

Gli aumenti tra gli stati variano sostanzialmente. 20% in più in Arkansas, Colorado, Florida, Georgia, Kentucky, Massachusetts, Michigan, Nevada e Ohio. Questi aumenti sono senza precedenti: durante e dopo la grande recessione di un decennio fa, l’utilizzazione degli aiuti Snap non crebbe più del 6% .

I dati confermano un bisogno alimentare in rapida crescita, specialmente tra le persone di colore e le famiglie con bambini che senza i benefici dello Snap si troverebbero davvero a dover fronteggiare gravi carenze alimentari. ( Per una lettura completa del rapporto del Center on Budget and Policies Priorities CLICCA QUI ).