UltimaEdizione.Eu  > 

Messico: intera città beve Coca Cola perché manca l’acqua

Messico: intera città beve Coca Cola perché manca l’acqua

Perché la Coca Cola ha il permesso di imbottigliare 300.000 galloni d’acqua al giorno, circa 1.200.000 litri, in una città che non ha abbastanza acqua pulita da bere per i suoi abitanti?

Per gli abitanti di San Cristóbal de las Casas, in Messico, significa bere Coca-Cola, quasi esclusivamente. E ciò sta causando tanta devastazione quanto lo può fare la vera mancanza d’acqua.

In questa città di montagna, alcuni residenti hanno solo acqua corrente poche volte a settimana,  e sono costretti  a comprare acqua trasportata da camion cisterna per l’uso quotidiano. Con una rapida urbanizzazione, infrastrutture fatiscenti e cambiamenti climatici,  che mettono a dura prova i pozzi che una volta rifornivano l’intera città, l’acqua potabile sta diventando sempre più una rarità.

Senza un impianto di trattamento delle acque reflue, i liquami grezzi sfociano direttamente nei corsi d’acqua, contaminandoli con potenziali agenti patogeni. Eppure,  l’impianto locale Coca-Cola, di proprietà del gigante messicano delle bevande Femsa, è autorizzato a estrarre legalmente una enorme quantità di acqua pulita ogni giorno per colorarla, addolcirla e trasformarla in liquido frizzante, lasciando a secco i residenti

Con una tale pressione sull’approvvigionamento idrico locale, cosa devono allora bere i residenti? Soda. L’impianto di imbottigliamento locale ha reso la Coca più abbondante e conveniente rispetto all’acqua in bottiglia. Di conseguenza, gli abitanti di questa città del Chiapas tendono a bere circa 2 litri di Coca Cola ogni santo giorno.

E con le pubblicità subdole che manipolano gli abitanti e li spingono a bere sempre più Coca,  anziché acqua, un numero enorme di persone si ammala.

Il diabete nella città meridionale del Messico è aumentato del 30% tra il 2013 e il 2016. La malattia provoca attualmente 3000 morti ogni anno, una porzione significativa della popolazione che raggiunge le 200.000 persone. È la seconda causa di morte nella piccola città e affligge quasi ogni famiglia.

I residenti di San Cristóbal de las Casas protestano, ma i dirigenti della Coca Cola negano ogni responsabilità.

Secondo il New York Times, un dirigente di Femsa “ha respinto le critiche che le bevande della compagnia abbiano un impatto negativo sulla salute pubblica. I messicani, ha detto, possono avere una propensione genetica verso il diabete “.

 

Tradotto da Care 2

https://www.care2.com/greenliving/this-town-is-forced-to-drink-coke-instead-of-water.html