UltimaEdizione.Eu  > 

Le elezioni italiane viste con gli occhi dei giornalisti della stampa estera

Le elezioni italiane viste con gli occhi dei giornalisti della stampa estera

A Roma, presso la Biblioteca dell’Associazione Stampa Estera, si è svolto un interessante dibattito sul futuro dell’Europa dopo lo svolgimento delle elezioni italiane che hanno visto il successo clamoroso dei 5 stelle e del Centro Destra, in particolare della Lega che ha superato Forza Italia di Berlusconi.

Alla discussione, moderata dal giornalista Giampiero Gramaglia dell’Istituto Affari Internazionali, hanno partecipato giornalisti della Stampa Estera di Francia, Germania, Spagna e Olanda.

Il convegno è stato introdotto da Franco Chiarenza della Fondazione Einaudi e autore di diversi libri sul giornalismo, i media e la comunicazione.  Presente Gianna Radiconcini, Presidente onorario del Partito d’Azione

Giampiero Gramaglia ha posto una serie di domande sulle elezioni italiane appena concluse e i suoi riflessi che avranno sull’Unione Europea a seconda il tipo di Governo italiano che si formerà nei prossimi giorni o nelle prossime settimane.

La prima analisi scaturita dal dibattito ha riguardato le promesse elettorali dei partiti per raccogliere il maggior numero di voti. Il Movimento Cinque Stelle ha ottenuto oltre il 32% di consensi soprattutto per le promesse economiche indirizzate ai ceti più poveri e per la lotta alla corruzione.

“Molte promesse difficili da mantenere” ha sottolineato Eveline Rethmeier, corrispondente della Televisione olandese. Anne Le Nir,corrispondente di Radio France Internationale, è preoccupata per i riflessi negativi sull’economia nel caso non si riesca a formare un nuovo governo. Ritiene il Movimento 5 stelle un partito ormai integrato nel sistema e in grado di non spaventare l’Europa nel caso riescano a fare un esecutivo. Ormai al suo interno, dice la corrispondente di Radio France, è in corso una normalizzazione. Il problema per l’Europa è semmai la Lega di Salvini. La sua coalizione con Forza Italia e il partito guidato dalla Meloni ha vinto le elezioni per la sua presa di posizione netta contro i migranti, per la sicurezza e per l’economia.

Il governo 5 stelle-Lega è un grande problema per l’Europa”, dice  Rossend Domenech, corrispondente El Periodico, “ma sarà anche una grande opportunità. Sono giovani, rappresentano la gente comune, sono positivi, anche se le difficoltà ci sono”.

Durante la campagna elettorale italiana tutti i giornalisti esteri hanno sottolineato la mancanza di riferimenti all’Europa, ad eccezione del Partito Democratico di Renzi e di più Europa della Bonino, sostenuta dal nuovo Partito d’Azione.

Del resto, ha osservato Michael Braun, corrispondente Tageszeitung, i cittadini italiani non sono europeisti anche se non vogliono uscire dall’Europa. “L’accordo franco tedesco tra la Merkel e Macron sul rigore e l’austerità è debole prima di aggiungere che “Olanda e Finlandia ed altri paesi non sono più disponibili ad altro rigore e contrasteranno le misure di austerità proposte da Germania e Francia per i prossimi anni”.

Altro tema forte affrontato dai giornalisti della stampa estera è la volontà di risolvere la drammatica questione dell’emigrazione oggi sostenuta con fatica principalmente dall’Italia. Una legge “mediterranea” sarà però di difficile realizzazione, hanno detto, perché molti paesi si rifiutano di accogliere i migranti, soprattutto quelli dell’Est; ma anche la Germania si trincererà dietro il fatto di aver finora accolto il maggior numero di migranti e ormai non è disponibile ad accoglierne altri.

In definitiva, i temi sul tappeto europeo sono molti, non ultimo quello di un governo italiano formato dai 5 Stelle e dal Centro Destra. Nessuno sa, al momento, quale sarà il risultato finale. Certo è un momento difficile per i singoli paesi nazionali e soprattutto per l’Europa. Ma la politica, come tutti sanno, è “l’arte del possibile”; una formula positiva la troveranno. Almeno lo sperano i milioni di cittadini che l’anno prossimo voteranno per le elezioni europee.

In bocca al lupo dunque!

Giuseppe Careri