UltimaEdizione.Eu  > 

Pakistan: New York Times rivela la più grande fabbrica di lauree false al mondo

Pakistan: New York Times rivela la più grande fabbrica di lauree false al mondo

La denuncia viene addirittura dalla prima pagina del New York Times che dedica all’argomento una propria inchiesta speciale: in Pakistan c’è un vero e proprio diplomificio che crea lauree false a livello mondiale.

L’accusa è lanciata contro AXACT una struttura educativa che su Internet si presenta come un vero e proprio impero nel settore della formazione con centinaia di università e scuole superiori, in cui insegnerebbero docenti dai nomi altisonante. Ovviamente, via web sono diffuse le solite foto meravigliose dei campus con professori studenti che sorridono convintamente.

Secondo il quotidiano di New York si tratterebbe solo di una montature. False le notizie divulgate, attori i personaggi che compaiono sui siti web o addirittura nei video promozionali che presentano corsi di eccellenza disponibili in ogni parte del mondo.

Sembra che questo fantastico mondo educativo e formativo sia composto da 370 siti internet che, secondo i calcoli del NYT consente di realizzare entrate per decine di milioni di dollari che finiscono nelle casse di una società di software pakistana che sembra sia il più grande esportatore di software del paese asiatico.

L’ AXACT è basata a Karachi, dove ha 2.000 impiegati e sembra che i profitti maggiori vengano proprio dal sistema di distribuzione di lauree distribuito dal modo come è denunciato dal giornale statunitense. La società smentisce le dichiarazioni del giornale americano il quale, però, ribatte sostenendo di aver esaminato più di 370 siti web appurando la fondatezza delle accuse che, del resto, partono anche da ex dipendenti della compagnia e trovano riscontro nelle carte di numerosi processi in corso.

Il giornale di New York cita poi numerosissimi casi di persone che, più o meno, consapevolmente hanno ottenuti diplomi o lauree da una delle strutture formative presentati dalla società pakistana in numerosi paesi di tutti e cinque i continenti.