UltimaEdizione.Eu  > 

Le trattative sul nucleare con l’Iran proseguono ancora oggi. Si sarebbe raggiunto un accordo verbale da mettere nero su bianco

Le trattative sul nucleare con l’Iran proseguono ancora oggi. Si sarebbe raggiunto un accordo verbale da mettere nero su bianco

Proseguono a Losanna, in Svizzera, le trattative sul nucleare dell’Iran dopo la scadenza dei colloqui fissati per la mezzanotte di ieri. Alcuni problemi sul tappeto, infatti, restano di difficile soluzione, ma le dichiarazioni dei partecipati, in particolare dei rappresentanti degli Stati Uniti e della Russia, fanno intravedere la possibilità di chiudere ufficialmente un accordo soddisfacente per tutti dopo che si é raggiunto un accordo verbale tra le parti.

Non è detto però che tutti i risultati sperati siano immediatamente a portata di mano e che non si debba aspettare ancora per la data finale delle trattative indicata al prossimo Giugno, per la firma di un accordo definitivo e completo.

A Losanna, così, si è intanto preferito andare oltre la scadenza fissata al 31 Marzo per questa sessione di colloqui tra Teheran e la controparte costituita degli oramai famosi 5+1 di cui fanno parte alcuni paesi occidentali oltre a Russia e Cina.

Anche dalle dichiarazioni del ministro degli esteri iraniano Mohammad Javad Zarif  è venuta la conferma del raggiungimento di un accordo, alla mezzanotte di ieri solamente verbale: “Abbiamo fatto parecchio, ma le delegazioni avevano bisogno di riposare e ricominciare domattina presto. Spero che si possa portare a termine il lavoro mercoledì ed eventualmente avviare il processo di elaborazione di un accordo definitivo entro la data prevista del 30 giugno”.

Da quanto è trapelato, si sarebbe registrata nel corso delle trattative ancora la presenza di punti critici che riguarderebbero le future attività di ricerca e sviluppo consentite all’Iran nei prossimi 10 anni indicati, invece, dagli Usa come periodo di moratoria.

L’Iran chiede, inoltre, l’immediata cancellazione di tutte le sanzioni internazionali nei suoi confronti mentre alcuni dei 5+1 non vorrebbero eliminarle subito del tutto.