UltimaEdizione.Eu  > 

Usa: Francesco alla Casa Bianca. Poi, santifica un frate missionario della California. Polemiche dei nativi americani

Usa: Francesco alla Casa Bianca. Poi, santifica un frate missionario della California. Polemiche dei nativi americani

Papa Francesco ha santificato il missionario Junipero Serra, frate francescano spagnolo, che portò il Cristianesimo in California. La decisione accolta con favore dei cattolici americani di origine ispanica è stata invece criticata da alcuni nativi che ritengono Serra un complice dei conquistatori che hanno sterminato le popolazioni locali.

Secondo i difensori del frate, soddisfatti perché finalmente con la sua canonizzazione il Vaticano ha riconosciuto il ruolo degli ispanici nell’evoluzione della chiesa nord americana, Serra ebbe un’influenza moderatrice degli eccessi dei conquistatori e su questa lunghezza d’onda si è mosso anche Francesco secondo il quale egli “era l’incarnazione di una Chiesa che va avanti”. Il Papa è talmente convinto di ciò che ha deciso di santificarlo pur in mancanza delle prova del doppio miracolo.

Il Pontefice, in precedenza, era stato accolto alla Casa Bianca dal Presidente Barack Obama che gli ha ufficialmente dato il ben venuto definendo Francesco il “Papa della speranza” e li ha ringraziato  soprattutto perché- gli ha detto- “nell’umiltà, semplicità, nella dolcezza delle parole e la generosità dello spirito vediamo in lei un esempio vivente degli insegnamenti di Gesù”.

Il Pontefice ha ricordato di appartenere ad “una famiglia di emigranti” e si è detto “lieto di essere ospite in questa nazione, che in gran parte fu edificata da famiglie simili”.

Francesco ha anche ricordato Martin Luther King perché “possiamo dire che siamo stati inadempienti in alcuni impegni, ed ora è giunto il momento di onorarli”.

Il Papa subito al suo arrivo sul suolo americano ha chiesto decise azioni per contrastare i cambiamenti climatici toccando il tema ambientale che costituisce un motivo di profonda divisione negli Stati Uniti dove i repubblicani sono schierati contro la politica ambientalista di Obama perché, a loro avviso, la lotta ai cambiamenti climatici danneggerà l’economia