UltimaEdizione.Eu  > 

Una nuova sfida per il Vaticano: fornire informazioni sugli abusi sui minori. Richiesta del Comitato Onu diritti dei minori

Una nuova sfida per il Vaticano:  fornire informazioni sugli abusi sui minori.  Richiesta del Comitato Onu diritti dei minori

Il Vaticano dovrà confrontarsi con una commissione delle Nazioni Unite sulla lotta avviata contro gli abusi sessuali sui minori da parte del clero di tutto il mondo. Secondo “The Guardian” di Londra un dettagliato “elenco dei problemi” è stato elaborato dal Comitato sui diritti del fanciullo (CRC) che ha sede a Ginevra. I responsabili della Santa Sede dovrebbero essere ascoltati all’inizio del prossimo anno.

Il Comitato delle Nazioni Unite chiederà di visionare documenti interni riservati e la cosa, dice il giornale londinese, segna una nuova ed originale iniziativa nel dibattito globale in corso sull’abuso dei minori. Si tratta di una nuova “sfida”per il nuovo Pontefice, Papa Francesco, perché affronterà la questione molto delicata della compensazione finanziaria alle vittime di abusi sessuali e, pertanto, dei relativi, eventuali accordi segreti raggiunti per preservare la reputazione della Chiesa.
8801429-mamma-papa-e-bambini-in-letto
Il quotidiano londinese riporta anche alcune parti del documento del Comitato, in particolare il paragrafo 11: “Alla luce del riconoscimento da parte della Santa Sede della violenza sessuale contro i minori commessi da membri del clero, sacerdoti e suore in numerosi paesi in tutto il mondo, e data la portata degli abusi, si prega di fornire informazioni dettagliate su tutti i casi di abusi sessuali su minori commessi da membri del clero, sacerdoti e suore portati all’attenzione della Santa Sede “.

Sono anche richieste informazioni sui casi in cui i sacerdoti sono stati trasferiti in altre parrocchie, in cui sono state eventualmente fornite istruzioni sul non denunciare i reati e in cui brinbisivatPapa_Benedetto_XVI_in_Benin_L_incontro_con_i_bambini_e_la_liturgia_21-300x234i sostenitori di Morsi scendono nuovamente in piazza.i bambini sono stati messi a tacere in modo da minimizzare il rischio di diffusione pubblica delle informazioni. Il Comitato ha anche chiesto informazioni su “indagini e procedimenti giudiziari condotti in base al diritto canonico contro gli autori di reati sessuali” e sul”numero delle vittime che hanno ricevuto assistenza per il recupero, compreso il supporto psicologico ed il reinserimento sociale e hanno ricevuto una compensazione finanziaria” .

Poco dopo essere diventato Papa, Francesco- scrive “The Guardian”- ha annunciato di aver invitato il Vaticano ad affrontare il problema. Un portavoce della Santa sede ha recentemente dichiarato che la Chiesa intende “agire con decisione in casi di abuso sessuale, promuovendo misure a tutela dei minori, l’assistenza per tutti coloro che in passato ha subito tale violenza, e le misure necessarie contro i colpevoli”.

Beatrice Zamponi