UltimaEdizione.Eu  > 

Uk: spreco del cibo in ospedale 82.000 pasti al giorni gettati via E da noi in Italia? Fatta un’indagine?

Uk: spreco del cibo in ospedale  82.000 pasti al giorni gettati via  E da noi in Italia? Fatta un’indagine?

In alcuni ospedali britannici verrebbe gettato via un quarto del cibo destinato ai pazienti. Uno spreco enorme! Questo il risultato di una lunga ricerca organizzata dal Sistema Sanitario Britannico. Viene istintivo chiedersi se uno studio analogo sia stato mai condotto nei nostri ospedali. Ovviamente, la pubblicazione dei dati britannici ha riacceso il dibattito sulla qualità dei pasti distribuiti nelle strutture ospedaliere e la necessità di introdurre standard minimi e garantire il controllo di qualità del cibo servito, il cui costo giornaliero è superiore ai 65 milioni di Euro.

Come è loro costume, i ricercatori autori dello studio fanno anche i nomi delle strutture coinvolte. E’ il caso dell’ospedale di Sheffield dove il 29% dei pasti sono stati lasciati non consumati. Un quarto dei pasti sono stati sprecati l’anno scorso in quello del South West Yorkshire e del Devon Partnership NHS Trust. Altre strutture con quantità di spreco minori, ma sempre elevate includono gli ospedali di Kingston (18.07 per cento), di Scarborough e North East Yorkshire (17 per cento), di Chesterfield (22 per cento), di Whipps Cross a Londra (18 per cento), di Trafford (19,4 per cento).

Alcune strutture sono corse ai ripari – in particolare Sheffield – introducendo miglioramenti significativi al fine di ridurre il cibo sprecato in questi ultimi mesi. “Abbiamo fatto grandi passi in avanti per ridurre lo spreco, tra cui una migliore pianificazione per i pasti ed una migliore comunicazione tra le diverse squadre, così come il monitoraggio quotidiano dello spreco di cibo, che ha permesso di ridurre questo dal 29 per cento al 9,36 “, ha detto Kevan Taylor responsabile della struttura.

I governi che si sono succeduti hanno cercato di migliorare la qualità del cibo servito negli ospedali. Ma, secondo i dati raccolti, sarebbero ancora più di 82.000 i pasti non consumati in ospedale. Un sondaggio rivela che più dei due terzi del personale ospedaliero non sarebbero contenti di mangiare il cibo che devono servire ai pazienti.
hospital meals
Secondo Alex Jackson, coordinatore della Campagna per un miglior cibo negli ospedali, ha detto che è giunto il tempo per i pasti distribuiti in ospedale di essere sottoposti ad analisi standard nutrizionali obbligatorie analoghe come quelle condotte sul cibo nelle scuole. “Parte del problema- egli dice- è l’enorme quantità di denaro pagato ai ristoratori esterni che gonfiano i costi ed utilizzano, in realtà, ingredienti più economici”. Jackson ritiene che il problema del cibo sprecato non sia da considerare in relazione alla qualità: “C’è un problema con il modo in cui il cibo è servito. Di solito, la distribuzione è effettuata da personale medico che ha altre priorità.” Andy Jones, presidente nazionale dell’ Associazione dei fornitori di cibo agli ospedali sostiene che sia necessaria l’introduzione di “un sistema di menu che permetta ai pazienti di ordinare il loro cibo ogni giorno in modo da ridurre enormemente la gran quantità di spreco”.

John Balcony