UltimaEdizione.Eu  > 

Trombe d’aria sul litorale romano Flagellate anche Roma e Fiumicino

Trombe d’aria sul litorale romano  Flagellate anche Roma e Fiumicino

Fortissima tromba d’aria si è abbattuta sul litorale romano che è stato, nell’arco di poco tempo, percorso completamente da nord a sud da pesanti nubifragi. Le conseguenze più gravi si sono avute a Santa Severa, non distante da Civitavecchia, frequentata da sempre anche dallex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, dove una violenta tromba d’aria ha addirittura scaraventato barche e natanti sui tetti e nei giardini delle case immediatamente adiacenti la spiaggia. Gravissimi danni agli stabilimenti balneari, di cui sono stati praticamente distrutti lettini, ombrelloni ed altre attrezzature. aaaasanta1Nel “club” più esclusivo della cittadina, l’Associazione Velica e Motonautica, completamente distrutta la zona del rimessaggio barche e tutte le imbarcazioni presenti. In alcuni casi scoperchiati anche i tetti delle strutture balneari. Molti gli alberi divelti così come i pali della luce.

Non si segnalano danni alle persone. Abbattuti numerosi alberi anche lungo la statale Aurelia tra Santa Severa e Tarquinia. La circolazione ne ha risentito pesantemente.

Il maltempo si è quindi spostato più a sud del Lazio dove ha colpito in particolare, in provincia di Frosinone, le zone di Fiuggi, Anagni e Ferentino.

La situazione ha avuto ripercussioni anche sull’aeroporto di Fiumicino e di quello di Ciampino chiusi per alcune ore costringendo molti voli in arrivo a Roma ad atterrare a Napoli, Pisa e persino in Sardegna.
trombe aria roma
Successivamente, quando la perturbazione ha raggiunto la Campania, è stata la volta dell’aeroporto napoletano di Capodichino ad essere chiuso con i suoi voli in arrivo spostati sugli scali romani.

La forte intensità del fenomeno ha anche provocato l’allagamento di numerose strade nella Capitale e creato grandi difficoltà alla viabilità sul Raccordo Anulare. In particolare nella zona vicino Ciampino ed all’altezza dell’Ardeatina.

Antonello La Monaca