UltimaEdizione.Eu  > 

Toscana: da Trenitalia 11 nuove carrozze “Vivalto” per le ferrovie regionali

Toscana: da Trenitalia 11 nuove carrozze “Vivalto” per le ferrovie regionali

Undici nuove carrozze Vivalto stanno per entrare in servizio sulle ferrovie regionali della Toscana. Trenitalia ne ha annunciato la consegna alla Regione, spiegando che le verifiche tecniche necessarie prima della messa in servizio del materiale rotabile si concluderanno nei prossimi giorni e le carrozze saranno operative a partire dai primi di Dicembre, come da programma.
“Si tratta di un altro passo in avanti lungo la strada scelta dalla Regione, quella di impegnarsi con consistenti investimenti per il miglioramento del materiale rotabile sulle linee regionali” – così l’assessore regionale ai trasporti, Vincenzo Ceccarelli, ha commentato la notizia, precisando che – “Grazie alle nuove carrozze potrà essere aumentata la capienza di alcuni treni oggi particolarmente affollati , migliorando decisamente le condizioni di viaggio per gli utenti”.

“Questa è la strada su cui vogliamo proseguire – ha aggiunto Ceccarelli – mentre attendiamo segnali concreti da parte del Governo rispetto alla annunciata volontà di tornare ad investire e a credere nella fondamentale importanza del trasporto pubblico su rotaia”.

aaa22vivalto2Trenitalia ha comunicato all’assessorato ai trasporti che entro la fine dell’anno altre 9 carrozze si aggiungeranno alle 11 in consegna. In questo modo alla fine del 2013 saranno in tutto 86 le carrozze a doppio piano nuove circolanti e ben 59 treni in fascia pendolare saranno Vivalto.

Tra questi ci saranno 4 treni con formazione a 7 carrozze, ovvero con 840 posti a sedere, e uno di essi sarà proprio il treno regionale 6604 che fa servizio la mattina, con partenza prima delle 7, sulla direttrice tra Arezzo e Firenze, oggetto di molte segnalazioni da parte dei pendolari.

“Si tratta – ha detto Ceccarelli – di uno dei treni che potranno beneficiare dell’entrata in servizio delle nuove carrozze. Una carrozza in più significa altri 120 posti seduti. Più di questo su quel treno non si può fare. Ricordo, però, che in quella stessa fascia oraria, a distanza di pochissimi minuti è disponibile un altro treno, sul quale non vengono segnalati particolari affollamenti”.

RomaSettRed-Ferpress