UltimaEdizione.Eu  > 

Torna “Lo Scorpioncello”: Alémaa, nun te preoccupà quarcuno lo sistemamo…

Torna “Lo Scorpioncello”:  Alémaa, nun te preoccupà quarcuno lo sistemamo…

“Troppa ggente da sistemààà. C’hai na famja troppo grossaaaa! Te sgameno, dacci retta. Nun esagerà che poi te boccieno”. C’era na vorta du’ amichi che parlaveno ar sindeco de Roma. Era n’ amico loro. Je’ davano le dritte. Je’ davano consigli. Ma lui ‘gniente. Nun c’era proprio ‘gniente da fa. Nun penzava più all’arberi potati. Nun penzava più alli bozzi in sur l’asfarto, ai sanpietrini tutti sfatti. Er Tevere, er mi ber bionno, che mò fa schifo solo a rivedello da’ lassù. Tutto zozzo, tutto pieno de fango e de lordura.

“Lo vedi ch’è mejo se penzi alla città – je fece uno delli amichi – se te vo’ fa rimannà sur Campidojo nun penzà solo all’atacche e all’ama”. E l’artro incarza: “tanto i busse vanno avanti da soli e la monnezza in quarche modo er povero, se fa pè dì, Ceroni ce la toje, ce la toje! Nun è che lui se sturba se l’Europa je dice che nun vole più discariche. Lui, er Ceroni, dice: la discarica? se po’ fa, se po’ fa!”.

L’Alemmanno c’ha come un ber risveglio: “e, poi, che noi politici de’ Roma dobbiamo esse pe’ forza li mejo, i più avanzati, i più moderni? Nemo viste tante. A noi che ce frega, ma chi c’ammazza?”

aleman3“E c’hai raggione – liè fece uno degli amichi sua. Ma se c’hai da essere rieletto datti armeno ‘n po’da fa. Fa’ qaurcosa pe passà alla Storia!”. “E dov’é che devo da passà pe trovà Stastoria? – chiede Alemanno. “None – je rispose quello- “passà alla Storia. Ma come?, eri fascio e nun te ricordi li colli fatali de Roma der nostro Duce. Lui si che poté passà alla Storia”. “Sì, ma er Duce – je risponne Gianni- mica c’aveva tutti st’affari pè la testa de tanti familiari in per d’intorno che me rubbano tanto tempo che nun c’ho modo d’aaffermamme!”.

Comunque sia, arrivorno i tempi dell’elezzioni. J’arrivò ‘nà tranvata all’Alemanno, ma ‘nà tranvata così forte che scese de’ corsa come n’pazzo pelle scale der Campidoglio. Dice che fece un par de vorte er giro anco sotto er marcaurelio che se lo mise a guardà dall’arto der cavallo. “Ah Sindaco – je fece l’er marcaurellio – nun te la prenne che tanto quarcosa c’arrimedi sempre, pure se perdi. Datte da fa nun fa l’ingrugnato. C’hai tanti amichi. C’hai na famija tanta. Penza quarcosa che ce quarambi un posto”.

Oh! Ma sto marcaurellio je dette ‘na dritta de nulla. Nun aveveno tirato fora l’urtima scheda dalle urne che Arfano se commosse. Jera così piacuta Roma tutta rimesso annovo. Nun c’era più ‘na buca. Tutti l’arberi potati. Nun c’era più en’ disoccupato. aleman12 alf berlLi scippi? Robba d’artri tempi! La droga? Maddeche! Qui nun se sniffa più manco pe’ sbajo. Solo i bingo e le case daggioco. Sì, quelle, lo dobbiamo da riconoscè, so proprio spuntate dappertutto. Ma è poca cosa! Voi da mette come sé cambiata la Capitale.

Er povero Arfano c’ha er core grosso come na casa. Jielo ha fatto dilatà er Berlusconi. Così proprio nun ha retto a vede l’ingratitudine de tutti sti comunisti dè mezza Roma che nun hanno proprio capito la grandezza dell’Alemanno a fare er sindaco loro e de li mortacci loro. Arfano era proprio n’cazzato nero per la brutta figura che jaeveveno fatto fa’ cor Berlusconi. Lui, er Berlusca, ululava sopra a Palazzo Grazzioli, stava a gridà: “Gianni, arridamme le mi’ leggioni. Me dovete da tojere la fermata der busse da sotto casa. Mo, con Marino, me ce fanno sbucà pure la metroppolitana…la nova C, e seppoi a’ comannalla sarà pure ‘n amico d’Alemanno, mejo”. Che poi ce sartebbe da congratulasse perché nun sarebbe na brutta idea sparagnà du passi a piedi se c’hai d’andà a camminà da quelle parti.isabella2-rauti-gianni-alemanno-

Così l’Arfano decise che la doveva pur fa pagà a sta ggenia d’ingrati. Così addecise de nominà la moje d’Alemanno come ‘na sua consulente al ministero. “Lo volete mannà a casa, brutti zozzoni? E adesso ve ce lascio la moje tra i cojoni!” Così l’Alemanna restò pe’ fa contenta l’artra mezza Roma.

Nun ve la piate! Nun ce’ fate caso so’ solo no’ scorpioncello! Non fate caso manco al romanesco. Come tanti romani vengo dal Nord ma a me me piace parlà romano….anche se a modo mio!

Lo Scorpioncello