UltimaEdizione.Eu  > 

Torna “Lo Scorpioncello”: Roma è ‘n disastro, ma loro se’ preoccupano solo de’ le botticelle!

Torna “Lo Scorpioncello”:  Roma è ‘n disastro, ma loro  se’ preoccupano solo de’ le botticelle!

“Aho! ‘n campana! – se sente da dì ‘n Piazza de Spagna – stanno a tornà queli der controllo”. E’ er cavallo d’una botticella che sveja er su padrone che s’èe addormito ‘n sur calesse e tutto er gruppo appisolato all’ombra. Li vole avvertì che ariveno quelli der controllo. Che poi sarebbero quelli de na forza speciale d’intervento che ha messo su Marino Maria l’Ignazio. Nun va confuso pe gnjente con Marino il La Russa. So brutti uguale, nun c’è proprio gnjente da dì, però so come er diavolo e l’acqua santa. Poi, uno sta a Roma e l’artro pure ma dicheno che è salito dar sudde ‘n su a Milano. Mamma mia!

Dar Mesagero se viene a risapé che l’Ignazio de Roma ha messo su na “taschesse forze” pe tutelà li cavalli delle botticelle: “un’azione congiunta portata avanti dal Pics, pronto intervento viggili urbani, dalla Asl RmA e dar Dipartimento Ambiente che, in queste ore, stanno a presidià li loghi storici, quelli de stallo delle carrozze e li ricoveri dei cavalli a Campo Boario, pe’ certificarne l’adeguatezza”.

“N’esercito! A li mortacci loro…Stanno a fà davero” – diche er cavallo a n’atro vicino mentre posa er giornale e mette in su la faccia pe guardà er padrone che mò é tutto svejo e pronto a raggionà con queli der controllo. “Voi vede – continua la bestia – che l’Ignazio Maria nostro ce mette l’aria condizzionata in tutta Roma. Oh! ma c’ha proprio belle idee, nun c’è gnjente da dì! Prima vole pedonalizzà li fori, poi fà le taschesse forze pe’ noi cavalli. Ma voi vede che abbiamo trovato finarmente er sindaco bbono?”

bott2“Aho – fa er secondo cavallo ar primo, che sta a ripiegasse er giornale e sembra voglia usallo sotto la coda – ma che dicheno dell’idea de’ Alemanno de’ facce sostituì dalle botticelle eletriche?” Fa na pausa de’silenzio e ‘nsiste: “ma guarda questi. Fanno finta d’occupasse dell’omini rompendo li cojoni a noi. Dicheno che er padrone ce deve dà l’acqua. E che nun ce la dà? Qui a Piazza de Spagna è bona e pure gratisse. Dicheno che nell’ore più carde nun ce se po’ move che fa troppo cardo. Ma chi ce penza a movesse? Quanno fa cardo nun se move nessuno. Nun se movono li turisti, nun se vole move er padrone…nun se movemo noi! Mo c’era bisogno dell’ordinanza der Sindaco pe’ sapé che quanno fa’ cardo se suda e tocca bagnasse. Che quanno c’è er sole nun se sta sotto er sole. ‘Nfatti noi ce spostiamo all’ombra, anche senza l’ordinanza di Gianni o dell’Ignazio Maria nostro”.

L’artro cavallo, quello del giornale, che c’aveva ripensato e non lo voleva usà più sotto la coda, fece de sì colla testa: “e c’hai raggione. E’ stata tutta na’ scusa pe’ spenne 350 mila euri per studià la botticella eletrica che, poi, dicheno sur giornale, nun se sa neppure che ffine ha fatto. Vedi…” e apre er giornale per fallo legge all’artra bestia:” lo racconta sto Pedica…” “E chi è sto Pedica”, je chiede l’amico suo che se ppure stufato dde sta fermo nella piazza e vorrebbe trottà ‘n po’ in giro.

“Dev’essè uno ‘mportante. C’ha un cantiere. Eh si er Cantiere democratico. Boh! Chissà che vor di. Senti, ma nun sarà mica ‘nartro che pedica bene e razzola male?…. bott3Anzi …fammi vede cosa dichiara: «Fa bene Marino l’Ignazio Maria a intensificà li controlli pe’ tutelà li cavalli in vista der granne cardo ma, dopo anni di annunci, a Roma è arivata l’ora di abolì le carozze trainate dalli animali», afferma in una nota il coordinatore nazionale der Cantiere democratico-Dl, Stefano Pedica. «Dopo li soldi buttati per un prototipo di botticella eletrica, costato 300 mila euro e poi abbandonato senza mai esse stato messo su strada – ricorda Pedica -. Alemanno dicheva ch’era pronto un artro progetto: quello della botticella a pedalata assistita. Ma finora nulla. Pe’ le strade der centro se continuano solo a vede cavalli stressati da lunghe ore de lavoro, dar caldo e dar traffico cittadino. Speraamo che Marino Ignazio Maria riesca a mette fine a questa situazzione, salvaguardando er lavoro dei vetturini e tutelà li diritti delli animali”.

Gajardo sto Pedica, ma da ‘ndo viene, diche una delle du bestie, che subbito però s’arricorda:” Ma sì, ma questo è er Peddica che è stato cò tutti: cor Mastella, cor Cossigma, cor Folloni, cor Di Pietro…famme ricordà! Magara ‘a ‘ntrigato puro co’ artri. Si, poi è divenito er lidere de’ Roma der partito de Tabacci der Centro democratico”. “Che gran mignotta”, risponne l’artro! “No, te sbai, un paraculo vero”, replica l’artro, secondo me più vorpe der Batman”!

Le du bestie se guardeno e scotono la testa. Er secondo sembra sconzolato. Er primo, però, decide questa vorta d’usa er giornale per benino e poi je fa:” Jela darei io na zoccolata assistita. bott6 pedicaMa guarda ‘n po’ questi che co tutti i prosperi che c’hanno da penzà… co la città allagata se solo piove tre mminuti, co li miliardi che se so magnati tutti, ma tutti, proprio tutti, pe l’ospedali de Roma, co le strade che so ridotte che noi semo pieni d’artrite pei poggi e buche dell’asfarto, questi se stanno a proccupà de quattro cavalli. Ma che se l’andassero…Poi, sti bischeri nun sanno manco che noi, ‘na vorta che c’hanno torto er posto de lavoro mica c’avemo la cassa ‘n tegrazione. A noi ar macello ce manneno!

A Pedica, a ‘Gnazio Maria, vedete ‘n po’de provà a pensà a cose più serie pe li cittadini…vedete d’andavvene…a fa ‘n giro!…pe’ vede mejo, s’intende!

Nun ve la piate! Nun ce fate caso so solo no scorpioncello! Non fate caso manco al romanesco. Come tanti romani vengo dal Nord ma a me me piace parlà romano….anche se a modo mio!

Lo Scorpioncello