UltimaEdizione.Eu  > 

Torna lo “Scorpioncello”: mozzico al “Porcellatore” Calderoli

Torna lo “Scorpioncello”:  mozzico al “Porcellatore” Calderoli

Sto Carderoli è proprio un tipo strano. Vabbé che vié da Bergamo dove nun se sente er mare. Mò, lui sta a Mozzo. ‘N paesino in sulla via di Como. Oh! Me raccomando: ditela con la “o“ ‘n po stretta. No da cafoni co’ la “ o “ sonante. Loro so der Nordde e sanno come se parla in italiano. Non so burini comme a nnoi.

Un tempo de stò paesino, Mozzo, così se diceva: “Boschi di castagni e prati sempre verdeggianti, viti, frutti, novi, olivi, una fonte e fertili campi. Arricchisce il luogo una selva, piena di una grande varietà di belve, la più parte delle quali si cattura con le reti o con i cani. (Lo vedi pure ar Nordde che bell’italiano c’hanno, a vorte. Ah! Me dicheno che è robba del ducento! Poi s’ho arrivati Bossi e tutti l’artri! M’avete da scusà pe’ questa ‘n tromissione dello Scorpioncello vostro). Non manca nulla di ciò che richiede una vita degna, poiché la natura benigna così arricchì questo luogo”.

Per compensà le cose, cor resto der monno, Nostro Signore ha pensato bene de manacce lui, Carderoli, a vive a Mozzo. Nun è che lo Scorpioncello ce l’ha co’ lui perché da chirurgo maxillofacciale o dà dentista, pe’ primo, nun se rifatta da solo la sua, de faccia. E neppure perché è legista amico der Bersito. Er tesoriere, anche lui leghista calabrese, che tanto aveva smanettato pe’ sta a Rroma.

calderoli3 bossi calderoli[1][2]Ma com’è sta storia? Je piaceva de sta a Rroma? A li mortaci! Poi l’avemo capita. Nun è che je piaceva tutta, proprio tutta Roma, come a Papa Giovanni che pure da Bergamo veniva. No a lui je piaceva ‘na Piazza che se chiama Monte Grappa, ar numero 1. Du passi e sei alla Rai de Viale Mazzini dove, da un pezzo, pure so pieni de leghisti che je piace Rroma..

Nun è che ce stava da beve come ‘n montagna quella grappetta forte e stuzzichina. None!
E’ che ce stà Finmecanica dove er Bersito faceva er vice padrone (era er Vice Presidente!) e dove se faceva intercettà a tutto spiano: “ Bossi? – lo sentinno dì na vorta- Circondato da ‘m becilli”. “Carderoli?- lo sentinno n’artra vorta – Asino vestito da generale”.

Ma io me chiedo: ma perché sto povero Carderoli, che me comincia puro a fà un po’ pena e nun ardisco più de pizzicallo, perché, m’arrichiedo, dev’esse sempre nominato assieme a bestie ed animali che nun è che poi so così pregiati.

Anche se a questo punto c’ho da fa na digressione. So annato tante vorte ad Amatrice e li ho capito che er maiale è la mejo bestia a questo monno. Forse che quando se chiama porco o “ porcellum”, cambia?

Pensando a Bersito intercettato me viene anche da dì: e poi si stanno a lamentà de Scorpionello loro che, alla fin fine, Calderoli2  belsito[5]nun offende proprio a nessuno. Solo si limita a guardà la situazione e a raccontalla pe fa trovà ‘na bona soluzione.

Ora dovete da sapé che er povero Carderoli, mentre Bersito gli sfotteva dietro, lui, poverino, lo difendeva e stragiurava che er pelato nun era un ladro. Era per bene! Era un calabrese leghista per bene!

Però, mò, sto Carderoli non pole esaggerà solo perché li sondaggi sembreno favorì l’amico suo, er Cavaliere. Ah Carderò? E che ce stai a cojonà? Mò ce dici che sei contento che la Cassazione t’ha dato ‘na travata tra le corna per quella orenda legge che facesti per favorì la Lega e Berlusconi? Ve la votaste tutti, soli soletti, pe fa diventà l’Italia ‘n Paese ancora più de prima pieno de cojoni. Perché, così, proprio dei più cojoni, c’avete riempito zeppo il Parlamento ancora più di prima, dai tempi der puzzone.

Na vera impresa, pe dilla tutta. Ma voi ce siete riusciti per benino. Pure le preferenze ve siete arrubbati. Ah, li mortanguerieri, niente ce lasciate! Nun c’avete manco lemosinato la possibilità de votà er meno peggio e potello andà a piglià per cravattino se sta più vicino, ner collegio.

calderoli1 porci[3]Adesso che nun ve sta più bene la situazione de sta legge, truffaldina e porcellona, nun è che ve mettete in ginocchioni, a chiede scusa e a riconosse che avete fatto un torto alla ragione e a tutta intera sta povera nazione. No! Mo cè state a dì: finarmente la Corte de Cassazione ha capito che facemmo na cazzata.

Nui, Carderò, te lo devo proprio da dì: te guardammo n’faccia e ce ne accorgemmo subbito che nun poteva che da venì fora ‘na cazzata. A voi, vi c’è voluto un po’ più de tempo. Ma sai, noi a Roma, e in generale in tutto er Meridione, c’abbiamo er mare che da vicino ce porta er fosfero a profusione e, forse, ce porta pure la raggione.

Noi c’accorgiamo subbito se quello ch’arriva è ‘na cazzata e, magari, è pure ‘na cazzata anticostituzionale. Poi, noi, magari, famo finta de nun facce caso! Mò, sto Carderoli, che potremmo pure definì er “ porcellatore”, perché c’ha tutto lui er porcellum sulla coscienza (‘na coscienza che pure da qualche parte c’ha intrufolata tra le frattaje della panza sua) fa come Saulo sulla via de Damasco. Solo che Saulo era sincero e nun c’aveva da cojonà nessuno e poi nun c’aveva la faccia da… operazione maxillofacciale.

Quest’artro, parlo sempre der Carderoli, invece, che pensa d’esser furbo solo perché va de valle in valle, dove ora parleno un italiano straniero, a portasse dietro er vecchio Bossi, e pure en poco de diamanti?, ora ce racconta che la su legge deve da cambià. Nun se sa, ancora, come deve da cambialla perché, loro, nun hanno ancora visto cos’è che je conviene mejo. Il fatto del giornoNartra cazzata? Dicheno che ‘r Carderoli vole tornà ar “mattarellum”.

Con lui c’è stata pure ‘na parte der piddi. Ma nun sò d’accordo i fini giuristi der piddielle, Capezzone e Matteoli. Poverelli sò morto preoccupati che se Carderoli insiste se rischia de mannà a gambe all’aria la legislatura. Loro, i due fini giuristi, vogliono prima cambia la Costituzione e sistemà le Istituzioni.

Ma de che? Dice er coatto. C’ha già provato Carderoli a giocà co le tre carte. E, poi, tanto lo sappiamo. Voi nun contate niente. Un ben amato prospero. L’unico che decide è Berlusconi. Se fa du conti, c’aggiunge er 3 e14, si fa l’affari sua e poi ve dice come e pe chì avete da votà. E voi quello avete da votà. Nun se scappa!

Boni, boni. Nun ve scardate che, magari, cor porcellum ve ne tornate a governà sto paese che, oramai, é solo stanco e pole solo a cercà dove davero “Non manca nulla di ciò che richiede una vita degna, poiché la natura benigna così arricchì questo luogo “!

Nun ve la piate! Nun ce fate caso sò solo no scorpioncello! Non fate caso manco al romanesco. Come tanti romani vengo dal Nord ma a me me piace de parlà romano….anche se a modo mio!

Lo Scorpioncello