UltimaEdizione.Eu  > 

Torna “Lo Scorpioncello”: er sor Brunetta abbaia, abbaia, e non la finisce mai… tanto l’amico Tremonti è ito e ‘a ‘ndo sta lo sanno solo a “Chi la visto?”

Torna “Lo Scorpioncello”:  er sor Brunetta abbaia, abbaia, e non   la finisce mai… tanto l’amico Tremonti è ito  e ‘a ‘ndo sta lo sanno solo a “Chi la visto?”

Se è già difficile capì li grillini, figurateve quelli de’la lega! Già parleno ‘strogoto. Figurasse quanno proveno a partorì en pajo dè concetti. Devo dà dì che er più simpatico è er Tosi de’ Verona. Forse perché c’ha l’Arena come a Roma e nun l’ha buttata giù. E’ furbo er Tosi, e puro n’telliggente! Astuto come er demmonio! Poi, cò l’Arena c’hanno fatto li sordi. Sti leghisti, co’ Roma, c’hanno fatto li sordi. Ma quanno uno è bravo è bravo e je va pure detto. Anche s’è leghista. Nun l’assorvo, ma comprenno. Stò a sentì papa Francesco, che è gajardo, e perdono!

Un tempo erano pure simpaticoni, con quelle corna lunghe in surra testa. Che poi, anche questo va riconosciuto, è gente che nun sa ‘n gannà, è gente de’ core che vole dì la verità. So cornuti e vanno ‘n giro co le corna. C’è da dilli che sò bravi a presentasse da soli, per benino. O come quelli che vanno dar dio Po a beve a garganella l’acqua pura de’ la sorgnente perché c’hanno avuto tanto da gridà contro li negri che poi nun c’hanno voce se nun ‘abbeveno. Mica lo fanno per cattiveria o perché so paggani. Loro nun sanno manco che vor dì esse paggani. Penzeno che sia na’ cosa der 27 der mese quanno te paggheno. Te l’ho detto, è gente semprice: un rutto e vvia!

9999000099997 tos e marE’ bravva gente. Nun dovete da’ crede a tutto quello che dicheno. Nun so’ fascisti, nun so’ razzisti, nun so’ ssenoffobbi. So’ solo leghisti. Ma cosa voi che sia? Nun sono come li comunisti che ancora se magneno li bambini. Poi, loro, i leghisti, ce ripenseno e ci ripenseno surre cose. Soprattutto quanno ce’ sò de mezzo li pupi. Nun ce credete? L’ha fatto Zzaja, quello che mò accomanda ner Veneto. Riguardo ai fii dell’emigrati, sai che t’ha detto? Che, none, quelli nati ner Veneto non se ne devono proprio da annà. Hanno er permesso de restà. So’ de’ nostri, poveri pupi. Anzi de’ loro: so’ veneti. C’hanno l’identittà veneta. Quell’artri ‘n vece: subito fora! subito fora! subito fora! avete d’annà.

Loro, li negri der Veneto, pozzono stà tranquilli che tanto parleno er veneto mejo de Zzaja. Oh!? L’ha detto lui, mico lo Scorpioncello vostro che de’ veneto conosce solo er fegato e gli osei sulla polenta che me magno quanno d’inverno vado ’n cima alla montagna d’Ovindoli che a me nun me piace d’andà oltre confine, doppo a Bologna.

A Scorpioncello vostro così jé venuto er dubbio, ma quale dubbio, la certezza: ma voi vede che fanno restà solo l’immigrati veneti e quell’artri se la piano in saccoccia e je tocca tornà a campà nella savana. Dice che i soliti napoletani hanno già organizzato scole de’ veneto vicino Afragola per falli entrà de contrabbanno nella macro reggione der nordde. Quanno c’è er fosforo, er fosforo c’è! Niente da dì, quanno sei gajardo, magara sei galliardo! C’hè de’ppiù!

9999000099999 tremGiacché ce siamo, me viene da mozzicà l’amico de’li leghisti. Quello scomparso…. Ora c’è “Chi l’ha visto?” che vole ‘n vestigà! Quelli so così bravi a ‘n vestigà che lo troveno de sicuro ar sor Tremonti, che è di lui che se sta a parlà. Poeerello, nun se’ vede più nemmancho in televissione. Non l’invita più nessuno. Manco ‘er Florisse, Giova, come lo chiama Crozza, che pareva lo tenesse a penssione. Lo stesso faceva Santoro er generoso. Si cò le su saccocce! Se vede che Tremonti nun pole più sgancià palanche, cocuzze e sacchi, e li leghisti nun je danno abbastanza pé campà. Figurate pagà pe ‘n dà a ragionà o a sragionà in televissione.

E’ così passato de’ moda, er sor Tremonti, che joanno torto puro l’urtimo Monti del governo per mettece uno de pisa. Sembra sia passato un secolo quando lo vedevi per benino che provava a di dar florisse: “mettiamola giù così!”. E comiciava a fa ‘ncazzà er Berlusca. Nu je dava ‘na lira che fusse ‘na lira. Cor Brunetta, poi, faceva il lancio der nano, cheera ‘na cosa così crudele che anche a Verdin, che nun è proprio ‘n orsolina, je veniva quarche dubbio che fosse giusto arronzà er Brunetta così tanto lontano.

BERLUSCONI E MINISTRI GIURANO, LA CERIMONIA AL QUIRINALEOra che nun c’è più manco un Monti all’orizzonte, Brunetta vole fa er gigante e nulla smette colle dicchiarazioni surra televissione. Se vede che nun c’ha proprio un prospero da fà, perché sta sempre e solo a dichiarà, mattina e sera. E joca puro a fa’ er cattivo! Ma lui non lo fa pe’sé. None, a lui je basta che nun c’è più Tremonti che lo sfotteva sempre mentre l’arronzava più lontano. Lui lo fa pé Sirvio suo. Sa che deve abbaià. Sai, come quei cani piccoli piccoli che sanno solo rompe li…timpani abbajando a più non posso? Lo fanno pe’ dì ar padrone: tranquillo che ce so io che abbaio come n’ pazzo. Male che vada, a chi se lamenta, dijje che sò solo io a rompe’er…’zzz! E er Brunetta sa’solo abbaja, ma nesciuno sembra che cha paura de lui. Penso a come sarebbe stato ‘bbene alla corte der de micchelisse, assieme a quellii come lui colle ballerine!!!

Nun ve la piate! Nun ce fate caso so solo’no scorpioncello! Non fate caso manco al romanesco. Come tanti romani vengo dal Nord ma a me me piace parlà romano….anche se a modo mio!

Lo Scorpioncello