UltimaEdizione.Eu  > 

Torna “Lo Scorpioncello”: alla Rai channo paura de’ finì come li grechi

Torna “Lo Scorpioncello”:  alla Rai channo paura de’ finì come li grechi

Dicheno che alla Rai stanno tutti alla finestra pé vede se je riva quarche greco a sigillà l’impianti. Certo
è che d’Atene so’ rivate proprio brutte nove. Nun è che je fanno fa, pure a loro, la fine de’ li grechi? Ma come, se so detti tutti quanti pure a Saxa, ce chiuderanno puro a noi? Noi che ogni giorno rischiamo de buscasse er pulizzere. Noi che tutti i giorni stemo a raccontà sto monno e quest’arto. Noi, soprattutto, che ce tocca consumacce la lingua e quarcos’artro per contentà sti quattro stronzi che, arrubbeno a quattro parmenti. A noi ce fanno dì che va tutto bene, e a noi ce piace dillo perché ce piace fa li servi loro.
‘N fondo morti di noi, però quarcuno c’è sempre che se deve da distingue, so’ proprio ‘gnoranti come le cocuzze. Se nun ce pijavano qui addove ce potevano prenne? E così tocca dasse na mano, e quarcosartro, da soli pur de tirà a campà.

E’ vero che l’italiano nostro nun è perfetto. Ma chi lo è a questo monno. E’ vero che tante vorte nun se capisce ‘n ciufolo di quello che dichiamo. E’ proprio vero che a noi ce piace da obbedì. Prima a li democratici, quelli che je piace tanto cambià er monno…si degli artri!, poi a quelli della destra. Sempre a baccaja co’ l’italiano perché loro maestro fu er Gasparri.

saxa7‘Nsomma c’è tocca sempre a corre co sto microfono da ‘na parte all’artra perché nun se sa più chi è er paddrone. Sembrava ch’arrivasse er Grillo, ma poi lui sembra che je piace sparasse sui cojoni da solo e nun è più venuto a comannà. Je paice tanto solo buttà fora, uno ad uno, dar parlamento tutti i sui. A già, però è riuscito nella granne ‘mpresa de mette uno alla commissione de viggilanza. Maddeche? A Peppe, ma pensi pè davero che questi te fanno viggilà? Sono loro che stanno a vigilatte a te. Nun te sbajà. Nun penzà er contrario.

Poi noi povere pecorelle, semo guidati da de’ ggeni. Da de giornalisti di gran spessore. Come quelli e quelle che vanno direttamente in televvisione perché troveno le pose giuste. Sò nati, e nate, ‘mparati e ‘mparate. Certo, a qualcheduna, na bella ‘mparata je l’hanno pure data. Ma nun me fate divigà, Nun me fate perde er segno che sennò vengono fora tutti l’artarini dè novi, dè vecchi, degli zompafossi e dei tanti vorta gabbana che stanno a fa’ la televisione.

Ma voi mette er grande sindacalista che in vita sua nun ha mai saputo scrive ‘npezzo ma che ai convegni ragionava per benino ch’aveva scopiazzato a peperino. Poi, nun vede l’ora de buttasse ‘npolitica. Ma quelli nun lo vojono: ma che te sei montato la testa? e voi provà a fa diretto anche te er padrone? Ma va…. Statte bbono: devi da fa solamente er servo. Nun poi comandà come ‘n padrone. None. Così lo trombonno ma in qualche modo lo sistomonno da fa da portavoce. abbb img1024-700_dettaglio2_Ert-televisione-Stato-greca-afpNun se’ scorda manco ‘na vocale. Boccaccia mia statte zitta sennò s’arriva a contestà ni ‘stituzione.

Dove vole arrivà lo Scorpioncello vostro? Che ve vole di? Che questi nun meritano nemmeno di falla troppo lunga? Vole arrivà a dì che in Grecia li vonno chiudé perché devono sparagnà per il bilancio. Costeno troppo questi giornalisti. Hai capito che je lo stà a dì? L’arrubboni de politici che ‘n Grecia somigliano tanto all’italiani. In Grecia se so arrubbati sto monno e quest’artro e poi scopreno che e poveracci c’hanno da risparmià. So proprio come l’italiani. Che nun dicheno: una faccia una razza? A li mortacci! se nun è proprio vero?

E chissà che anche a Roma, ‘n giorno nun s’accorgheno che je conviene chiude tutto per venne a Rai all’amichi loro. Pure a Roma c’hanno da risparmià. Pure a Roma possono realizzà che nun c’hanno più bisogno de vecchi servi. Se po’cambià. Se po’cambià.

Nun ve la piate! Nun ce fate caso so solo no scorpioncello! Non fate caso manco al romanesco. Come tanti romani vengo dal Nord ma a me me piace parlà romano….anche se a modo mio!

Lo Scorpioncello