UltimaEdizione.Eu  > 

Terremoto a Ischia. Salvati tutti i bambini rimasti intrappolati

Terremoto a Ischia. Salvati tutti i bambini rimasti intrappolati

Poco dopo le 13, ad oltre 15 ore di distanza dal terremoto che ha travolto la loro casa  Casamicciola, sull’Isola di Ischia, è stato estratto dalle macerie Ciro, il ragazzino di 11 anni rimasto sepolto con i due fratellini di sette anni e sette mesi.

Per Ciro sono state vissute ore di trepida attesa perché era rimasto mezzo sepolto dai detriti ed i Vigili del fuoco intervenuti temevano che ulteriori crolli potessero peggiorare la sua  situazione. Il ragazzo è stato assistito per gran parte delle ore di attesa, vissute ad una profondità di oltre cinque metri, anche da personale medico che  ha provveduto a fargli delle flebo e a somministrargli ossigeno.

Ciro è divenuto un piccolo eroe da quando si è saputo che al momento del crollo dell’abitazione, in cui stavano con il padre e la madre, tra l’altro in cinta, ha spinto il fratello Matias di sette anni sotto il letto della loro camera.

Tutta Ischia ha vissuto momenti di vero e proprio terrore a causa del terremoto ad Ischia. Molti turisti hanno abbandonato l’isola nel corso della notte utilizzando i traghetti speciali organizzati anche per il trasporto dei feriti a Napoli, visto che le autorità sono state costrette a disporre lo sgombero dell’ospedale locale.

Secondo le rilevazioni dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia la scossa è sta d’intensità di magnitudo pari a 4, anche se in un primo momento si era parlato di una forza di 3.6. Il terremoto ha interessato tutta la costa Flegrea al nord di Napoli. La profondità è stata rilevata a 10 chilometri e il fenomeno è stato di forma sussultoria.

Numerosi i crolli di abitazioni soprattutto a Casamicciola, una delle zone più abitate di Ischia. Le vittime già accertate sono due e 39 i feriti. Nel corso della notte sono state estratte dalle macerie alcune persone, incluso un bambini di soli sette mesi rimasto sepolto con il padre e due fratellini di 3 e 5  anni.

Questi ultimi due sono stati raggiunti dai soccorritori, ma devono ancora essere liberati dal materiale che li ricopre.