UltimaEdizione.Eu  > 

Strage di bambini in India. Oltre 22 avvelenati dal cibo scolastico

Strage di bambini in India. Oltre 22 avvelenati dal cibo scolastico

I medici stanno lottando per salvare un gruppo di bambini avvelenati dal loro pranzo a scuola in una scuola elementare in una zona povera rurale della parte orientale dell’India.

Il numero esatto delle vittime varia a secondo dei rapporti, ma sembra che sia stato appurato il decesso di 22 bambini mentre altri 25 sono ricoverati ospedale, di cui tre in condizioni gravi.

I bambini, di età compresa tra cinque e 12 anni sarebbero stati avvelenati da un pranzo a base di riso e lenticchie, presso il villaggio di Chapra, nello stato povero del Bihar. Il pasto potrebbe essere stato contaminato da pesticidi.

“Stiamo cercando di fare di tutto per salvare i bambini ricoverati, ma la condizione di alcuni di essi rimane critica”, ha detto il dottor Amarkant Jha Amar, sovrintendente del Patna Medical College Hospital.
proteste
Alcuni genitori arrabbiati hanno riesumato i corpi frettolosamente sepolti di alcune delle vittime e li hanno deposti al di fuori della scuola in segno di protesta. I manifestanti hanno bersagliato una stazione di polizia con pietre, dato alle fiamme autobus e intonato slogan che denunciano il governo dello stato.

Il programma di distribuzione gratuita dei pasti scolastici in India è uno dei più grandi al mondo assicurando cibo a più di 100 milioni di bambini. Ma il sistema è afflitto da sprechi e corruzione, e gli episodi di avvelenamento sono molto frequenti.

I primi test hanno dimostrato che il cibo distribuito nella scuola del Bihar potrebbe essere stato contaminato da pesticidi usati per il riso e le colture di grano della zona.

Un funzionario della sanità del governo centrale di Delhi ha detto che una delle possibilità è che gli ingredienti siano stati conservati troppo vicino a sostanze chimiche pericolose.
intossicati
Le autorità hanno sospeso un ispettore del cibo scolastico e denunciato per negligenza criminale la preside della scuola, fuggita subito dopo l’incidente ed ora ricercata dalla polizia, come ha dichiarato PK Shahi, ministro dell’istruzione del Bihar.
“Nonostante la denuncia del cuoco sull’odore dell’olio da usare per la cottura, la preside ha insistito perché fosse usato comunque”, ha detto il politico in una conferenza stampa.

Molti pasti scolastici in India sono forniti da imprenditori privati e, in parecchi casi, sono utilizzati ingredienti scadenti. Diffusa sarebbe la corruzione dei funzionari locali affinché chiudano un occhio sul fatto. Il grano acquistato dal governo per la distribuzione nelle scuole, molto spesso, è mal conservato.

Lo stato del Bihar ha ora ordinato un’inchiesta e annunciato che le famiglie dei bambini morti riceveranno un risarcimento di 200.000 rupie, circa 2.550 euro.

Secondo la Banca Mondiale, il 43% dei bambini indiani sono sottopeso, toccando costantemente il livello più alto del mondo negli ultimi 20 anni. In Cina la percentuale è solo del 7%, in Africa sub-sahariana la media è 28%. Il primo ministro indiano, Manmohan Singh, ha definito i livelli di malnutrizione infantile in India come una “vergogna nazionale”.
Il governo, guidato dal Partito del Congresso, sta spingendo adesso per mettere in atto un programma alimentare per 21 miliardi di dollari.

Beatrice Zamponi