UltimaEdizione.Eu  > 

Primo caso nella storia repubblicana. Arriva “l’impeachment” grillino per Giorgio Napolitano. Un atto d’accusa “politico”, scarsamente sostenibile sotto il profilo giuridico.

Primo caso nella storia repubblicana. Arriva “l’impeachment” grillino per Giorgio Napolitano. Un atto d’accusa “politico”, scarsamente sostenibile sotto il profilo giuridico.

I 5 Stelle di Beppe Grillo annunciano di aver presentato la richiesta di messa in stato di accusa del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano. Quello che ora pure a noi italiani piace chiamare “impeachment”, reso famoso  negli Usa ai tempi dei presidenti Richard  Nixon, prima, e Bill Clinton, dopo. Viene alla mente quanto attribuito a Beppe grillo da un quotidiano tempo fa: ” Napolitano sotto accusa? Solo una finzione politica”. E, invece…

I cosiddetti “grillini”  giustificano l’attacco a Napolitano con sei punti di accusa sintetizzati da una scheda che circola su vari giornali:  “Espropriazione della funzione legislativa del Parlamento e abuso della decretazione d’urgenza. Riforma della Costituzione e del sistema elettorale. Mancato esercizio del potere di rinvio presidenziale.  Seconda elezione del presidente della Repubblica.  Improprio esercizio del potere di grazia.  Rapporto con la magistratura: processo Stato-mafia”.

Sembra, dopo dopo una sommaria lettura delle “imputazioni” che siamo di fronte più ad una iniziativa “politico-comunicazionale” piuttosto che di fronte ad una seria di contestazioni le quali, in punto di diritto costituzionale, riguarderebbe o la discrezionalità di giudizio del Presidente della Repubblica o di specifiche responsabilità personali che, sia detto per inciso, la Costituzione esplicitamente esclude. Non a caso ogni atto del Presidente deve essere assolutamente controfirmato dal Governo.

Il Parlamento, adesso, vaglierà quello che costituisce il primo caso in assoluto nella storia della Repubblica italiana in materia e che, da un’analisi veloce di quanto reso noto,  sembra proprio mancare della sostanza adeguata per essere giustificata una decisione del genere sotto il profilo puramente giuridico. Poi, per uanto riguarda la politica…ne abbiamo viste tante.

Giancarlo Infante