UltimaEdizione.Eu  > 

Perugia: Borsa di studio nel ricordo di Meredith

Perugia: Borsa di studio  nel ricordo di Meredith

In ricordo di Meredith Kercher borsa di studio a Perugia. Il Comune del capoluogo umbro, per ricordare la giovane studentessa britannica brutalmente uccisa in casa nell’autunno 2007 in circostanze non ancora del tutto chiarite , ha appunto istituito una borsa di studio in suo nome. Ne beneficeranno studenti della Gran Bretagna i scelti attraverso l’ambasciata italiana di Londra.

Il Comune di Perugia provvederà al pagamento del viaggio andata e ritorno da Londra a Perugia. L’Adisu, l’associazione per il diritto allo studio universitario, si farà carico delle spese di soggiorno presso una delle residenze universitarie. Il corso di lingua e letteratura italiana sarà offerto dall’Università per Stranieri di Perugia.

Stephanie Kercher, la sorella di Meredith, presenzierà alla cerimonia ufficiale che si terrà martedi 4 giugno, per consegnare la prima borsa di studio che è stata assegnata alla studentessa inglese Olivia Taylor.

wladimiro1 -boccali-110802144018_bigIl sindaco di Perugia Wladimiro Boccali, che ha promosso l’iniziativa volta a sottolineare come la città tutta ricordi Meredith, ha inteso onorarla nell’ambito studentesco di cui lei aveva voluto far parte. Alla cerimonia, che si terrà a Palazzo dei Priori, saranno presenti anche il nuovo rettore dell’Università, Giovanni Paciullo, e il presidente dell’ Adisu, Maurizio Oliviero.

Meredith Kercher era venuta in Italia per studiare la nostra lingua e la nostra cultura, venne uccisa durante la notte tra il primo e il due di novembre del 2007. Il processo, che ebbe un’eco mediatica risonante, si concluse due anni dopo con la condanna della compagna di stanza Amanda Knox e del suo ragazzo di allora, Raffaele Sollecito. In appello i due furono assolti ma per sentenza della Cassazione ora il processo dovrà essere riaperto. Per l’assassinio di Meredith in carcere c’è ora solo il giovane Rudy Guede che fu processato con rito abbreviato e condannato.

Lucilla Verticchio