UltimaEdizione.Eu  > 

Massimo Ciancimino in carcere a Palermo per reati di quattro anni fa in Nord Italia

Massimo Ciancimino in carcere a Palermo  per reati di quattro anni fa in Nord Italia

Nuovo ordine di arresto a Palermo per Massimo Ciancimino. Lo ha dispostoi il Gip di Bologna a seguito di un’inchiesta partita da Ferrara, che lo accusa di associazione a delinquere ed evasione fiscale. La Procure felsinea contesta, inoltre, al figlio dell’ex sindaco di Palermo di aver favorito organizzazioni mafiose criminali.

Le disposizioni dei magistrati emiliani riguarderebbero reati commessi da Massimo Ciancimino tra il 2007 e il 2009 quando si occupava di acciaio e riguarderebbe una frode fiscale commessa nella commercializzazione appunto di metalli ferrosi. Il procedimento, oltre che Ciancimino, riguarda altre 12 persone.

La Procura avrebbe accertato la creazione di una ramificata associazione per delinquere realizzata attraverso false lettere di intenti all’esportazione rilasciate da società di comodo appositamente costituite, con un “giro di affari” complessivo di oltre 130 milioni di euro e con una ben consistente evasione di Iva. MAFIA: GIORNALE SICILIA, CIANCIMINO HA CONSEGNATO 'PAPELLO'Massimo ciancimino, che è considerato titolare di fatto di alcune di queste società dedite all’evasione dell’Iva, avrebbe agito a stretto contatto con organizzazioni criminose della Calabria, in particolare con alcuni esponenti della famiglia Piromalli e di altri clan che operano nella piana di Gioia Tauro.

In tempi recenti, Massimo Ciancimino era finito in carcere nel 2011. Venne arrestato a Parma per “calunnia aggravata” nei confronti dell’ex Capo della Polizia Gianni De Gennaro. Ciancimino, che è anche tuttora indagato per detenzione di esplosivo, è uno dei “testimoni chiave” del processo “Stato-mafia” appena cominciato a Palermo. ”Guardacaso, a distanza di quattro anni dai fatti, l’arresto viene ordinaro all’indomani dell’apertura del processo Stato-mafia”, è stato il commento dell’avvocato Francesca Russo, difensore di Ciancimino.

Veronica Gabbuti