UltimaEdizione.Eu  > 

Bufera per Regione e Comune di Roma: manifestazioni contro la nuova discarica. Bloccata l’Ardeatina anche con le pecore

Bufera per Regione e Comune di Roma:  manifestazioni contro la nuova discarica.  Bloccata l’Ardeatina anche con le pecore

Come annunciato, è esplosa la protesta degli abitanti della zona Ardeatina indicata entro il 31 Luglio, termine ultimo indicato dal Ministro Orlando, quale nuova discarica che deve sostituire quella di Malagrotta giunta al termine della sua attività da tempo.

La cosa ha già fatto entrare il fibrillazione tutto il mondo politico romano e regionale, oltre che quello nazionale. Perché, adesso, una decisione deve pur essere presa.

I manifestanti hanno bloccato la strada consolare proprio all’altezza del chilometro 15 e300, a Falcognana, dove dovrebbe essere realizzato l’impianto al quale, comunque, saranno conferiti solamente rifiuti già trattati. Il sito sarebbe stato scelto dal commissario straordinario Goffredo Sottile perché è già esistente una struttura in cui vengono conservati rifiuti speciali.
pecore
I manifestanti, sostenuti dai vertici Pd del Municipio, nel corso della manifestazione di protesta hanno anche liberato un gregge di pecore che ha percorso un tratto dell’Ardeatina. Adesso la popolazione sta organizzandosi per rendere continuativo il presidio di protesta.

Il Sindaco, Ignazio Marino, ha detto di voler “studiare con serietà e attenzione la relazione conclusiva del commissario per l’emergenza rifiuti, Goffredo Sottile, appena arrivata sulla mia scrivania, sulla quale Regione, Provincia e Comune sono chiamate a esprimere il proprio parere”.

Marino non esclude la possibilità di un’ ulteriore convocazione del Tavolo tecnico e, quindi, in sostanza ha fatto capire che i tempi per la decisione definitiva potrebbero esser ancora lunghi.
discarica
Il ministro Orlando ha fatto capire che può sorvolare sul termine del 31 Luglio a lui indicato come tassativo a suo tempo e, quindi, si aver scritto ai rappresentanti delle autorità locali perché si assumano una piena responsabilità sulla relazione istruttoria elaborata dal commissario Sottile. Come dire: adesso siano Regione e Comune di Roma a risolvere il problema.

Antonello La Monaca