UltimaEdizione.Eu  > 

Madre Teresa è santa. Francesco: ha fatto vedere ai potenti le loro colpe verso i poveri

Madre Teresa è santa. Francesco: ha fatto vedere ai potenti le loro colpe verso i poveri

Madre Teresa di Calcutta da oggi è santa. Messa solenne di canonizzazione officiata da Papa Francesco in Piazza San Pietro per la canonizzazione di una santa dei nostri giorni cui si rivolgono milioni di persone che nel mondo ricordano la piccola suora di origine albanese e la quale ha dedicato la propria vita agli ultimi degli ultimi diventando l’emblema concreto di quella Misericordia, cui  Francesco ha voluto dedicare lo straordinario Giubileo di quest’anno.

“Madre Teresa – ha detto il Papa-  in tutta la sua esistenza, è stata generosa dispensatrice della misericordia divina, rendendosi a tutti disponibile attraverso l’accoglienza e la difesa della vita umana, quella non nata e quella abbandonata e scartata. Si è impegnata in difesa della vita proclamando incessantemente che «chi non è ancora nato è il più debole, il più piccolo, il più misero». Si è chinata sulle persone sfinite, lasciate morire ai margini delle strade, riconoscendo la dignità che Dio aveva loro dato; ha fatto sentire la sua voce ai potenti della terra, perché riconoscessero le loro colpe dinanzi ai crimini – dinanzi ai crimini! – della povertà creata da loro stessi. La misericordia è stata per lei il “sale” che dava sapore a ogni sua opera, e la “luce” che rischiarava le tenebre di quanti non avevano più neppure lacrime per piangere la loro povertà e sofferenza. La sua missione nelle periferie delle città e nelle periferie esistenziali – ha aggiunto Francesco- permane ai nostri giorni come testimonianza eloquente della vicinanza di Dio ai più poveri tra i poveri. Oggi consegno questa emblematica figura di donna e di consacrata a tutto il mondo del volontariato: lei sia il vostro modello di santità!

Papa Francesco legge formula canonizzazione

Papa Francesco legge formula canonizzazione

Penso che, forse, avremo un po’ di difficoltà nel chiamarla Santa Teresa: la sua santità è tanto vicina a noi, tanto tenera e feconda che spontaneamente continueremo a dirle “Madre Teresa”. Questa instancabile operatrice di misericordia ci aiuti a capire sempre più che l’unico nostro criterio di azione è l’amore gratuito, libero da ogni ideologia e da ogni vincolo e riversato verso tutti senza distinzione di lingua, cultura, razza o religione. Madre Teresa amava dire: «Forse non parlo la loro lingua, ma posso sorridere». Portiamo nel cuore il suo sorriso e doniamolo a quanti incontriamo nel nostro cammino, specialmente a quanti soffrono. Apriremo così orizzonti di gioia e di speranza a tanta umanità sfiduciata e bisognosa di comprensione e di tenerezza.