UltimaEdizione.Eu  > 

L’obesità si può combattere con “trapianti” di flora batterica intestinale ed una dieta appropriata.

L’obesità si può combattere con “trapianti” di flora batterica intestinale ed una dieta appropriata.

L’obesità o, al contrario, l’anoressia si possono combattere con un trapianto di microbi intestinali. La cosa è riuscita ai ricercatori della Scuola di Medicina della Washington University di St. Louis ed è segnalata dalla rivista Science. Per ora la conferma è ancora a livello di esami effettuati su topi da laboratorio e, secondo i medici statunitensi resta comunque fondamentale il seguire un’apposita dieta.

Gli studi potrebbero aprire degli scenari nuovi sul contrasto ai disturbi alimentari e del metabolismo diventati, in particolare l’obesità, un problema sociale ed economico oltre che medico. Un fenomeno che in qualche modo finisce per caratterizzare una buon parte delle società moderne evolute.

Gli interventi sui topi da laboratori, però, hanno dimostrato che la mutazione della flora batterica intestinale blocca lo sviluppo dell’obesità nei soggetti predisposti all’aumento di peso, limita lo sviluppo di grasso e, quindi, tutti i processi metabolici legati alla resistenza all’insulina.

Ma c’è un avvertimento, avvertono i ricercatori: i microbi associati alla magrezza non possono impiantarsi completamente nei topi con “obesi” a meno che gli animali non seguano una dieta sana. I risultati pongono le basi per lo sviluppo dei probiotici di nuova generazione che possono essere aggiunti agli alimenti per trattare o prevenire la malattia.

Coppie di gemelle identiche

Coppie di gemelle identiche


La ricerca ha poi coinvolto coppie di donne gemelle, di età compresa 21-32, in cui una delle due era obesa e l’altra magra. Questa disparità di peso netto si verifica in circa il 6 per cento dei gemelli ed è più comune tra i gemelli eterozigoti rispetto a quelli identici. Come parte dello studio, i microbi intestinali dei gemelli, catturati da campioni fecali, sono stati trasferiti nei topi allevati in un ambiente precedentemente sterilizzato. Poiché i topi mangiano naturalmente reciproche le proprie feci, i ricercatori hanno avuto la possibilità di osservare cosa succede quando un topo che porta un insieme di microbi intestinali di un gemello obeso si trova con un altro portatore di microbi intestinali del gemello magro.

Fate i topi trasferimento microbi tra loro attraverso le loro feci, i ricercatori hanno chiesto. E se è così, che i microbi in definitiva prendere in consegna? A questo punto i medici hanno scoperto l’importanza del ruolo giocato dalla dieta.

Se gli animali hanno seguito una dieta sana, a basso contenuto di grassi saturi e ricca di frutta e verdura, i microbi dalla gemella magra invadono l’intestino del topo con i microbi della gemella obesa. Riescono a prevenire l’aumento di peso e lo sviluppo di problemi metabolici associati alla resistenza all’insulina. Nelle persone, l’insulino-resistenza è associata ad un significativo aumento di peso e di solito questo costituisce è il primo segno di problemi metabolici destinati, alla fine, a portare al diabete.

“Una dieta sana incoraggia i microbi associati alla magrezza ad incorporarsi rapidamente nel budello”, ha detto il capo del team, Jeffrey I. Gordon, MD, direttore del Centro per la Genome Sciences & Systems Biology della Washington University. “Ma una dieta ad alto contenuto di grassi saturi e povera di frutta e verdura ostacola l’invasione dei microbi associati alla magrezza. I nostri risultati- ha aggiunto Gordon- sottolineano le forti interazioni tra i microbi intestinali e la dieta e aiutano a illustrare come le diete non salutari selezionano contro i microbi intestinali associate a magrezza”.

Flora batterica  intestinale

Flora batterica intestinale


L’intestino è la patria di decine di miliardi di microbi che aiutano a decomporre il cibo e a sintetizzare sostanze nutritive e vitamine dalla nostra dieta. Precedenti ricerche di Gordon hanno inoltre stabilito che le collezioni di microbi intestinali variano notevolmente da persona a persona, anche tra gemelli identici. Questa variazione intrinseca rende, allo stato attuale, difficile sapere se le malattie come l’obesità sono frutto di malattie a livello microbico o se fanno parte del sistema genetico di una persona, o se sono valide entrambe le ipotesi.

John De Giorgi