UltimaEdizione.Eu  > 

L’indignazione monta. Sempre nuove scoperte di spese pazze con i fondi regionali. Sotto accusa un centinaio di esponenti politici siciliani. Domiciliari per l’ex vice presidente della Giunta ligure

L’indignazione monta. Sempre nuove scoperte di spese pazze con i fondi regionali. Sotto accusa un centinaio di esponenti politici siciliani. Domiciliari per l’ex vice presidente della Giunta ligure
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Regioni assolutamente “senza freni” nello sperpero del pubblico denaro che altro non è che vero e proprio ladrocinio. E l’indignazione generale non fa che aumentare. Le “spese pazze” in Sicilia procurano un centinaio di indagati tra i rappresentanti, anche eccellenti, dei partiti. Come il deputato Davide Faraone, responsabile Welfare della nuova segreteria di Matteo Renzi, Raffaele Lombardo ex presidente della Regione e tutti i capigruppo della precedente legislatura dell’isola. Tutti sono accusati di peculato. Con i fondi destinati al funzionamento dei gruppi parlamentare si sarebbero sperperati 10 milioni di euro. E in Liguria i soldi si prelevavano addirttura dai conti in banca: domiciliari in quanto accusato di peculato per il 1a1305consigliere regionale Nicolò Scialfa, già vice presidente della Giunta con l’Idv, per prelievi in contanti dal conto del gruppo regionale di 75 mila euro utilizzati per spese personali.

Sia in Sicilia che il Liguria col denaro frutto del malcostume dilagante si è comprato e fatto di tutto, dai capi di abbigliamento e gli accessori di lusso, come borse e cravatte, a viaggi da segno e pranzi e cene in ristoranti di prim’ordine dove non mancava champagne di pregio in abbondanza.

L’inchiesta nell’isola era stata avviata dalla Procura nell’ottobre 2012, con i finanzieri del nucleo tutela spesa pubblica della polizia tributaria entrarono all’Ars (Assemblea regionale siciliana) acquisendo tutta la documentazione sulle spese dei gruppi parlamentari, di cui faceva parte l’ora onorevole Davide Faraone (nella foto sotto). Ora, il nutrito gruppo dI esponenti politici, alcuni in 1a1302carica anche nell’attuale legislatura della presidenza Crocetta, è stato convocato a Palermo in Procura. Saranno ascoltati nei prossimi giorni dai magistrati “a scaglioni”, dato il consistente numero dei personaggi da nterrogare in Tribunale.

A Genova, la misurà cautelativa di restrizione della libertà nei confronti d Nicolò Scialfa, praticamente per gli stessi abusi commessi dai colleghi siciliani, è stata disposta dal Gip in quanto sussisterebbe la possibilità della reiterazione del reato. I finanzieri del nucleo di polizia tributaria del capoluogo ligure avrebbero oltretutto accertato la falsificazione di verbali di riunioni del gruppo in cui sarebbero state rendicontate e liquidate le spese che gli vengono contestate. Indagati anche i consiglieri Marylin Fusco, Stefano Quaini e Maruska Piredda

Riccardo Marini

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.