UltimaEdizione.Eu  > 

Letta: sull’Imu parlo a fine Agosto Con tagli alle auto blu ed aerei di Stato trovati 50 milioni per aerei antincendio

Letta: sull’Imu parlo a fine Agosto  Con tagli alle auto blu ed aerei di Stato  trovati 50 milioni per aerei antincendio

Enrico Letta paga al caldo di questi giorni romani solo il tributo di presentarsi in maniche di camicia alla conferenza stampa organizzata a Palazzo Chigi per fare un annuncio e ribadire una precisazione.
Nonostante le più che bollenti ore passate nel fine settimana a leggere tutte le dichiarazioni politiche su Imu, condanna di Berlusconi e quanto altro può mettere a rischio il suo esecutivo, quindi anche cose che ribollono in casa Pd, lui continua, ostentatamente, a dare l’impressione di credere nella durata del proprio Governo.

Comunque, l’annuncio è quello dell’ennesimo taglio alle auto blu. C’è da chiedersi quante sia state davvero queste auto di servizio. O se i precedenti annunci sulla riduzione siano mai stati mantenuti. Sono più di venticinque anni, infatti, che se ne parla e Letta riesce ancora a trovare qualche auto da smantellare e togliere dall’elenco delle infinite spese della spesa pubblica.

Se lo dice lui, c’è da credergli. Anche perché ha parlato della riduzione del 25 per cento delle auto di Stato a disposizione di quella organizzazione “monstre” che è diventata la Presidenza del Consiglio nel corso degli ultimi anni.
auto blu
Altri risparmi sono attesi dalle nuove decisioni prese in materia di trasferta dei funzionari governativi. Anche di questo se ne é sentito molto parlare nel passato. Niente taxi. Uso di mezzi pubblici, se proprio non sarà possibile fare altrimenti.

Voleranno in classe economica. Se lo faranno in Italia, però, non sarà una grande novità, visto che le classi sono abolite da un pezzo. In Europa e nel mondo, in effetti qualcosa la si potrà risparmiare. Anche se c’é da chiedersi quale sia il bisogno dei funzionari di Palazzo Chigi di andarsene in giro per il mondo per doveri d’ufficio. Forse si tratta di una voce proprio modesta del bilancio.

Insomma queste auto blu dismesse, cui si aggiungerà l’eliminazione di tre aerei della flotta governativa, un Airbus A319 e due Falcon 900, fino ad oggi composta da dieci aerei, dovrebbero far risparmiare 50 milioni di euro.
aerei stato
Una goccia d’acqua, si dirà calcolando che, mentre Letta parlava ai giornalisti, siamo stati informati che il debito pubblico italiano ha superato i 2.075 miliardi, battendo ogni record.

La cattiva notizia è compensata dal fatto che lo spread scende ai minimi, sotto i 250 punti, dopo due anni. E questo risultato é stato raggiunto ben prima che Letta annunciasse i risparmi sui taxi utilizzati dal suo personale della Presidenza.

I cinquanta, miseri milioni di risparmio, annunciati dal Presidente del Consiglio, ed ha scelto la stagione buona per farlo, serviranno, però, a comprare qualche mezzo aereo per rafforzare la nostra scarseggiante flotta aerea antincendio.

Nei giorni scorsi, la contemporanea diffusioni di forti incendi boschivi in Sardegna, in Friuli e in Calabria ha portato alla distruzione di decine di migliaia di ettari di boschi rinnovando le preoccupazioni per la nostra carenza per contrastare un fenomeno in cui non è da escludere la presenza di altre componenti, visto che non è ancora stato escluso che in molti casi si è trattato di incendi dolosi.
incendi
Così è da sperare che l’acquisto e l’utilizzazione di mezzi più moderni ed efficaci possa costituire un vero deterrente contro i delinquenti che continuano ad appiccare il fuoco al nostro patrimonio forestale.

Enrico Letta ha poi ribadito che a fine mese si deciderà sull’Imu. E’ interessante notare che non ha smentito il suo Vice, Angelino Alfano, il quale aveva commentato a favore della posizione del Pdl l’uscita di Letta secondo cui, se cade il Governo, si finirà per non cancellare l’Imu. Un altro segnale che farà gioire i vari Brunetta?

Su questa questione, forse perché in molti sono in vacanza chissà dove, e le mogli hanno fatto spengere i telefonini, i toni sono molto più smorzati dei giorni scorsi ed è quindi probabile che da oggi in poi, fino al 31 Agosto ascolteremo giusto l’eco di rimbalzo di una questione che sembrava mettere davvero già a rischio la tenuta del Governo, indipendentemente da quel grosso macigno scivolato sulla strada di Letta dopo la decisione della Cassazione di confermare la condanna per Silvio Berlusconi.

Giancarlo Infante