UltimaEdizione.Eu  > 

Con l’Anno nuovo, la stangata dei sacchetti biodegradabili

Con l’Anno nuovo, la stangata dei sacchetti biodegradabili

“Dal 1° gennaio 2018 i sacchetti del reparto frutta e verdura saranno biodegradabili e compostabili”. In base alla legge 123/2017 i sacchetti dovranno essere ceduti solo a pagamento. Noi ci impegniamo a venderli a 3 centesimi, il prezzo che paghiamo noi”.

Questo è ” l’annuncio” della stangata arrivata nei supermercati e negozi. E’ appeso in bella vista nei banchi di frutta e verdura. E’ rivolto a tutti i consumatori che acquistano mele, pere, zucchine, insalata e altri generi di alimentari sfusi, così come il pesce e la carne.

Proteste e incredulità dei consumatori. La legge 123 del 3 agosto 2017 recepisce, del resto, la direttiva europea numero 720 del 2015 sugli ” shopper” di plastica leggera. Chi non rispetta la legge, ammonisce Lega Ambiente, rischia una multa salata fino a 100 mila euro.

La ragione principale dell’introduzione delle buste biodegradabili nasce dalla volontà comunitaria di eliminare il consumo della plastica. Secondo uno studio della Lega Ambiente, sono 500 mila tonnellate i rifiuti in plastica che galleggiano nel Mediterraneo, con gravi danni per i pesci e per l’alimentazione dei cittadini.

Una volta in mare, la plastica impiega decine e decine di anni prima di decomporsi. In Europa, secondo gli ultimi dati diffusi dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente, si stima un consumo annuo di 100 miliardi di sacchetti.

Lega Ambiente ha sponsorizzato l’introduzione delle buste biodegradabili purché, ha precisato, il costo del sacchetto sia equo per i consumatori.

Come per tutte le innovazioni, i clienti e i consumatori devono vigilare affinché il costo delle buste di plastica sia effettivamente equo con un controllo sistematico nei vari negozi e supermercati. Se da un lato, l’eliminazione della plastica è elemento positivo per l’ambiente, dall’altra, si dovranno evitare speculazioni delle aziende produttrici delle buste biodegradabili e degli stessi commercianti titolari e responsabili del prezzo da praticare per i propri clienti.

Lega Ambiente invita tutti i commercianti a far pagare i sacchetti per vincere una battaglia decennale contro la plastica in favore della qualità dell’ambiente.

Certo per i consumatori l’inizio del 2018 si presenta particolarmente oneroso non solo per il costo aggiunto dei sacchetti, ma soprattutto per gli aumenti generalizzati di Energia, Gas, biglietti metro e autostrade. L’energia infatti salirà del 5,3%; il Gas del 5%; le autostrade hanno invece aumentato le tariffe in maniera differenziata. La Roma Teramo, ossia  i 170 km dell’A24 e A25 costerà il 12.89% in più di pedaggio; per il tratto Aosta-Morgex, il pedaggio sale addirittura del 52%! La Milano Serravalle sale del 13.9%.  L’incremento medio per i veicoli sull’intera rete autostradale nazionale, secondo il Ministero, risulta essere pari al 2.74%.

Come si può notare sono aumenti che incideranno non poco sui redditi più bassi dei lavoratori e dei numerosi pendolari del nostro paese.

L’Italia si appresta a votare per le Elezioni Politiche del 2018. Tutti i partiti ricorreranno ai loro strumenti di propaganda elettorale. Assicureranno, come sempre, i cittadini con promesse mirabolanti: diminuzione delle tasse, assegno di dignità, lavoro per i giovani, aumenti per i pensionati. Tutte promesse al vaglio poi di una verifica futura.

“Il paese può farcela” dice il Presidente della Repubblica Mattarella nel discorso di fine anno. Nel suo messaggio, il Capo dello Stato si rivolge ai cittadini e soprattutto a tutti coloro che hanno una responsabilità istituzionale affinché facciano fino in fondo il loro dovere. E’ un appello al senso di responsabilità e di crescita morale. Sarebbe bello, e incredibile, se, per una volta tanto, un appello del Presidente della Repubblica venisse raccolto da tutti.

Solo così i cittadini potranno accettare serenamente i sacrifici per l’ambiente e per la raffica di aumenti decisi in questo inizio d’anno. Per adesso di sicuro c’è solo la stangata. In futuro si vedrà.

Giuseppe Careri