UltimaEdizione.Eu  > 

Incubo in tutta zona Colosseo in attesa dei Fori pedonalizzati

Incubo in tutta zona Colosseo  in attesa dei Fori  pedonalizzati

In coincidenza con la “Festa dé Noartri” non c’è allegria nella zona di via Labicana e via Merulana. Anzi, questa si é trasformando in luogo d’incubi per automobilisti e pedoni, a causa dei lavori che stanno procedendo serrati per far rispettare i tempi previsti per la pedonalizzazione dei Fori Imperiali. Una decisione cui il neo Sindaco Marino ha legato l’inizio di legislatura del suo mandato e che, invece, sta provocando l’irritazione, se non la rabbia, negli abitanti della zona.

Vedremo se dopo il 3 Agosto, giorno iniziale per i nuovi criteri di viabilità attorno al Colosseo, anche il caos di questi giorni diventerà definitivamente operativo. E se si dovrà constatare che, come accaduto in altre zone di Roma, vedi le modifiche apportate al transito automobilistico sulla Cassia, all’altezza dell’innesto con la Trionfale, alcuni provvedimenti ritenuti a priori “salvivici” non finiscono per peggiorare la situazione, invece che migliorarla.
traffico
Il controverso, e limitato, progetto, da sempre ostacolato dagli abitanti dell’intero “quadrilatero” Via Cavour, Colosseo, Via Labicana, Via Merulana, ad oggi è solo caos per gran parte della giornata, a causa delle barriere che sono state organizzate per la costruzione dei cordoli in mezzo alla strada che proteggeranno la carreggiata utilizzata dai tram lungo tutta la via Labicana ed il successivo Viale Manzoni.

Questi lavori, proprio indispensabili?, fanno parte del progetto “mariniano” grazie al quale, dice il Sindaco e sostiene l’Agenzia per la Mobilità del Comune, si ridurrà del 90 per cento il traffico privato circolante lungo i Fori imperiali che dopo il 3 Agosto saranno percorribili solamente ai mezzi provenienti da Piazza Venezia, poi costretti ad immettersi obbligatoriamente in via Cavour senza la possibilità, oggi concessa, di poter proseguire in direzione del Colosseo.
progetto
Solo dopo il 3 Agosto, così, si potranno vedere le conseguenze effettive dei nuovi provvedimenti, e conseguenti lavori, sul traffico di tutta la zona coinvolta.

Antonello La Monaca