UltimaEdizione.Eu  > 

In Egitto si cambia ancora e si torna al laicismo. Nuova costituzione voluta dai militari. Bassa la partecipazione al voto

In Egitto si cambia ancora e si torna al laicismo. Nuova costituzione voluta dai militari. Bassa la partecipazione al voto

Dopo la prima giornata di voto, con violenze e morti, le procedure di voto in Egitto sul referendum per l’approvazione della nuova legge costituzionale si sono concluse in maniera tranquilla, così come procedono le operazioni di scrutinio.  Dai primi dati che trapelano si viene a sapere che dovrebbe essersi recato al voto il 38 per cento degli aventi diritto. Di questi, il 95 per cento circa avrebbe detto “sì” approvando il nuovo testo costituzionale sostenuto dal mondo laico e dalle forze armate guidate dal generale Abdel Fatah Sisi, vicepremier e ministro della Difesa, e sostenendo il Governo emerso dal colpo di stato che ha portato alla estromissione dell’ex Presidente Mohamed Morsi, espressione della Fratellanza Musulmana.

Anche Morsi aveva subito modificato la Costituzione nel tentativo di togliere il potere ai militari e di iniziare un cammino verso la creazione di un vero e proprio stato islamico. In quella occasione votò circa il 32 per cento e la maggioranza dette ragione al fronte islamista,  poi rovesciato la scorsa estate.

L’Egitto, così, torna ai tradizionali equilibri di sempre,  secondo quella linea oramai avviata nel 1952 con la presa del potere dei militari guidati da Gamal ‘Abd al-Nasser e con i Fratelli musulmani messi fuori legge. E’ successivamente accaduto con Anwar El Sadat e poi con Hosni Mubarak.

generale sisi

 

La differenza sta solamente nel fatto, non di poco conto, che se nel corso di quasi tutti gli ultimi 60 anni del moderno Egitto, l’Arabia Saudita ha sempre guardato con diffidenza i militari e sostenuto la Fratellanza, adesso i governanti di Ryad sono decisamente schierati con il generale Sisi cui stanno garantendo anche quegli aiuti finanziari che il Presidente Barak Obama ha sospeso dopo il recente colpo di stato.

Gianluca Scialanga