UltimaEdizione.Eu  > 

Il Pdl va spaccato al voto su Letta. Infruttuosi gli incontri Berlusconi Alfano. Al Senato ha parlato il Premier con un discorso di pacificazione. Ora il dibattito poi il voto. Il Cavaliere in Aula

Il Pdl va spaccato al voto su Letta. Infruttuosi gli incontri Berlusconi Alfano. Al Senato ha parlato il Premier con un discorso di pacificazione. Ora il dibattito poi il voto. Il Cavaliere in Aula

Il durissimo scontro tra Fabrizio Cicchitto ed Alessandro Sallusti a “Ballarò” ha solo anticipato le conclusioni di due incontri che Silvio Berlusconi ha avuto in rapida successione, con una breve interruzione notturna, con Angelino Alfano. Non saranno probabilmente arrivati a toccare le punte polemiche, al limite dell’insulto, che hanno caratterizzato il dibattito televisivo tra Cicchitto e Sallusti, ma la sostanza è la stessa.

Alle 9,30 tutti a Palazzo Madama, Berlusconi compreso, in un Senato spaccato in due. Enrico Letta ha parlato con un discorso di pacificazione sottolineando la “stanchezza” degli italiani per le non decisioni della politica. Solo le votazioni finali, intorno a mezzogiorno, ci diranno se Angelino Alfano, e tutti coloro che non vogliono la caduta del Governo di Enrico Letta, ce l’hanno fatta a trovare quel pacchetto di voti necessario a superare al Senato la situazione di stallo determinatasi con i risultati delle elezioni politiche del Febbraio scorso.

Carlo Giovanardi ha annunciato ieri che i senatori pronti ad abbandonare Silvio Berlusconi sarebbero più di 40 rendendo praticamente vano il tentativo del leader del Centro Destra di buttare tutto all’aria e di provare ad andare alle elezioni anticipate.
cicchitto sallusti ballarò
Le notizie diffuse da entrambi gli schieramenti interni al Pdl parlano di impossibilità a trovare una convergenza. Alfano ha chiesto esplicitamente a tutto il Pdl di rinnovare la fiducia a Letta. Berlusconi ha fatto informare in diretta tv Sallusti, nel corso della puntata di “Ballarò”, mentre il direttore de “Il Giornale” stava accapigliandosi con Cicchitto che lui, cioè il Pdl, avrebbe votato la “sfiducia” al Governo.

A Fabrizio Cicchitto, allora, non è rimasto da fare altro che confermare la posizione sua e di Alfano: loro sosterranno il Governo.

G.I.