UltimaEdizione.Eu  > 

Firmate decine di accordi tra Italia e Russia. Letta soddisfatto: “ora basta con il caos”. Putin: Berlusconi? “Un amico, ma é una questione vostra”

Firmate decine di accordi tra Italia e Russia. Letta soddisfatto: “ora basta con il caos”. Putin: Berlusconi? “Un amico, ma é una questione vostra”

Il vertice italiano russo  di Trieste si è concluso con la firma di 28 intese commerciali e sette accordi tra i due paesi. Enrico Letta è soddisfatto per il lavoro fatto con Putin e con lo stuolo di ministri giunto da Mosca e da Roma nel corso di quella che egli ha definito una delle più produttive del suo Governo: “Abbiamo molti impegni da implementare, gli accordi devono diventare fatti concreti. Fra gli accordi ci dovrebbe essere la creazione di un fondo da un miliardo di euro  tra la Cassa depositi e prestiti italiana e il Fondo russo per gli investimenti che investirà nei due paesi”.

Letta ha approfittato dell’occasione per parlare delle vicende italiane: “Noi abbiamo un drammatico bisogno di crescere, di creare posti di lavoro. C’è una ripresa da agganciare e in questo senso il rapporto con la Russia ci può dare posti di lavoro in settori per noi strategici. Per questo – ha aggiunto il premier – devo concentrarmi perché i risultati raggiunti qui a Trieste possano concretizzarsi. E perché si concretizzino in Italia non deve esserci una situazione caotica, su questo sto lavorando incessantemente da sette mesi e continuo a lavorare anche oggi”.

Ovviamente, avendo a portata di mano il Presidente russo, i giornalisti non si sono fatti sfuggire la scontata domanda sul suo “amico” Silvio Berlusconi:”Non è un segreto  che con Berlusconi abbiamo sviluppato buoni rapporti personali in molti anni di

putin trieste

lavoro congiunto, posso dire rapporti di amicizia, e questi non cambieranno, a seconda della congiuntura politica italiana. Non ho il diritto di valutare le azioni di Berlusconi e non lo farò. E’ una questione vostra, non mia. Ma posso dire che certamente lui ha fatto molto per lo sviluppo delle relazioni russo-italiane”.

RomaSettRed