UltimaEdizione.Eu  > 

Da Grillo un “vaffa” ai suoi elettori. Il leader del 5 Stelle di nuovo in rotta di collisione con un pezzo importante del suo movimento.

Da Grillo un “vaffa” ai suoi elettori. Il leader del 5 Stelle di nuovo in rotta di collisione con un pezzo importante del suo movimento.
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Quale è la differenza nel lessico del teatro fra “comico” e “capocomico”? Il primo si presenta in teatro, in un cabaret o alla televisione e con se non ha che la sua persona e le sue battute. Tutt’al più si avvale di una “spalla”. Il capocomico, invece, oltre a recitare, è colui che dirige una compagnia, sceglie i testi da mettere in scena, forma il cast, distribuisce le parti, sta attento al botteghino, cura l’amministrazione.

Per restare nella metafora, Beppe Grillo nella vicenda delle elezioni sarde ha dimostrato ancora una volta di essere padrone del palcoscenico, ma fortemente incapace di gestire l’ insieme della baracca, dove inevitabilmente sono comprese le stonature del tenore, i capricci della prima donna e le miserie dei comprimari. Fra le cose che avrebbe potuto fare per domare una situazione che in tutta evidenza gli è sfuggita di mano, Grillo, ha fatto quella più spettacolare, ma anche quella più penalizzante per il pubblico pagante: ha interrotto lo spettacolo.

1abbb643Con una differenza sostanziale rispetto ad una Callas che non si presenta sul palcoscenico dell’Opera di Roma per essere stata fischiata nell’acuto della Norma: qui non siamo di fronte alla delusione per una serata finita male. Qui siamo di fronte a milioni di cittadini che si sono affidati alla speranza di un avvenire migliore per se se stessi e per i loro figli, che hanno dato fiducia ad un movimento che gli è stato presentato come un ventata nuova e pulita, e ora sono costretti ad assistere ad una fuga dei fondatori dalla propria responsabilità politica.

Perché è di politica che stiamo parlando. E di uomini che la dovrebbero esercitare avendo come unica bussola il bene comune, lo sviluppo economico e culturale del proprio Paese, l’avvenire dei giovani. Questo vale per Berlusconi, per Renzi, per Vendola, per Alfano, per Meloni, per Monti, ma anche per Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio.

1abbb646“La vedo anche come una cosa positiva, è la dimostrazione che non ci interessa la poltrona ma ci interessa fare qualcosa e se non ci sono le modalità per farla bene, tanto vale non presentarsi: è una visione positiva della politica”, è stato il commento a radio Città Futura, di Andrea Colletti, parlamentare del 5 Stelle.

“Non eravamo pronti”, è stata la parola d’ordine ripetuta come una cantilena da tutti i portavoce che alla radio e in televisione in queste ore hanno cercato di spiegare agli italiani il perché di una scelta che irride, si voglia o no, a quel quasi trenta per cento di elettorato che alle politiche ha fatto del Movimento di Grillo il primo partito in Sardegna.

“Non eravamo pronti” sono le parole con le quali l’onorevole Colletti ritiene di liquidare la ritirata scomposta in Sardegna del movimento a cui appartiene.

1abbb644“Pronti a che?”. Forse un gruppo di malfattori si è impossessato del Movimento 5 Stelle nell’isola? Con le prove in mano (qualora le avesse avute) il fantomatico “staff” di Grillo si sarebbe dovuto rivolgere alla Procura della Repubblica. Forse un manipolo di incapaci rischiava la scalata al potere sardo? Forse il peccato fustigato dalla condanna di Grillo è una ambizione smodata dimostrata dai candidati ? Ma non c’era la rete a risolvere ogni problema di selezione?

Non è per fare una facile ironia che tiriamo in ballo la rete. La rete c’entra e come nelle paranoie del 5Stelle. E’ ora di dire infatti che forse in troppi si sono, ci siamo, illusi che le nuove tecnologie potessero di colpo risolvere gran parte delle contraddizioni insite in ogni forma di democrazia. Si è visto che non è così. Si è visto che se c’è una cosa che è fallita clamorosamente è proprio la comunicazione fra elettori ed eletti, fra eletti e fondatori. Basta affacciarsi ad uno dei tanti forum territoriali per toccare con mano, salvo rare eccezioni, quale caos vi regni, su quali beghe inutili si arrovellino gli attivisti.

1abbb645Ma chi avrebbe dovuto guidare con sapienza, con una presenza costante, fisica, una popolazione alle prese con un modo nuovo ed originale di partecipare alla politica, se non Grillo e Casaleggio? Lo hanno fatto? Le sporadiche apparizioni fra le fila dei parlamentari sono state sufficienti? In Sardegna hanno piantato le loro tende con l’intenzione di levarle solo dopo aver gestito e sciolto la grana di due gruppi contrapposti?

Non avendo fatto niente di tutto questo, Grillo si è riservato il diritto di chiudere il sipario. “Non siamo pronti”, ha tagliato corto. In pratica è come se avesse detto ai sardi “tornate un’altra volta”. E i posti di lavoro? E la disoccupazione giovanile? E le piccole e medie imprese che chiudono? E la sanità , l’ambiente, che dipendono dalla Regione? Tutto rinviato al giorno che la prima donna avrà riacquistato il fiato per il “do di petto”.

La verità è che questa volta il “vaffa” Grillo lo ha sputato in faccia ai suoi elettori.

Claudio Pavoni

.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.