UltimaEdizione.Eu  > 

Authority Trasporti: audizione a Camera e Senato. Priorità a ferrovie e aeroporti. Sede al Lingotto di Torino. Operativa nel 2014

Authority Trasporti: audizione a Camera e Senato. Priorità a ferrovie e aeroporti. Sede al Lingotto di Torino. Operativa nel 2014

Prima audizione dei componenti dell’Autorità alle Commissioni Trasporti congiunte di Camera e Senato. Il Presidente Andrea Camanzi ha illustrato le priorità su cui si concentrerà l’attività dell’Autorità nei settori ferroviario e aeroportuale. L’Autorità ha sede al Lingotto, attiverà tra breve il proprio sito web e sarà operativa con il personale selezionato a partire dal 2014. Per chi non lo ricordasse, la fabbrica Fiat del Lingotto a Torino fu progettata e costruita a partire dal 1915 dall’ingegnere Giacomo Mattè-Trucco, insieme con altri progettisti. Ma il vero padre dell’allora avveniristico stabilimento fu l’ingegnere meccanico Ugo Gobbato, esperto nella razionalizzazione delle attività produttive e chiamato alla FIAT dal senatore Agnelli nel 1918. aaa1trasporti6A Gobbato venne affidato il compito di smantellare le varie officine FIAT nel capoluogo piemontese e creare un polo automobilistico nuovo, efficiente e soprattutto concentrato in un unico luogo.

Il Presidente Camanzi ha svolto una relazione che ha evitato volontariamente di toccare i temi più attuali e più generali per concentrarsi sui problemi organizzativi e di concreto avvio dell’attività dell’Authority. Camanzi ha sottolineato che l’Authority ha effettuato finora solo tre riunioni sfruttando i locali della Prefettura di Torino e la collaborazione dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato; il Presidente ha poi confermato che la sede sarà al Lingotto, nei locali messi a disposizione dal Politecnico di Torino.

aaa1trasporti2Riguardo ai problemi organizzativi, Camanzi ha spiegato che tra breve l’Autorità approverà il suo regolamento e subito dopo la delibera di entrata in operatività; ha poi annunciato che, tra pochi giorni, sarà attivo anche il nuovo sito dell’Autorità che ha anticipato sarà: www.autorità-trasporti.it.

Camanzi ha anche spiegato che tra breve l’Autorità definirà i criteri per la selezione del personale e i relativi bandi: secondo il Presidente, occorreranno alcuni mesi per espletare le procedure e, dunque, l’Autorità sarà concretamente operativa solo dai primi mesi del 2014.

aaa1trasporti10Sul ruolo dell’Autorità, Camanzi ha definito “non perfettamente rodato” il contesto normativo che regola i compiti e le competenze del nuovo organismo. In questa fase di primo avvio e di provvisorietà sia organizzativa che finanziaria (per ora l’Autorità ha una previsione di stanziamento di 1,5 miliardi per il 2013 e 2,5 per il 2014, ma nel frattempo deve utilizzare i fondi prestati dall’AGCM), è necessario per Camanzi selezionare i temi su cui l’Autorità interverrà per prima.

Camanzi ha spiegato che le priorità riguarderanno innanzitutto il settore ferroviario e aeroportuale, La legge attribuisce all’Autorità il compito di stabilire i criteri per determinare i pedaggi dell’infrastruttura aeroporto7ferroviaria e delle aree aeroportuali e su questi temi si concentrerà l’attività dell’Autorità fin da subito. L’Autorità fisserà i criteri, ma toccherà ai soggetti titolari della concessione stabilire concretamente la misura dei pedaggi: la distinzione non è di poco conto, perchè definire i criteri significa analizzare un’ampia serie di dati e di confronti, oltre che approfondire tutta la legislazione in materia; considerando la necessità di programmazione delle imprese per acquisire gli slot o altro, è prevedibile che novità, soprattutto di rilievo, non potranno esservi prima del 2015, se tutto va bene. Un lavoro, in ogni caso, molto impegnativo in cui sarà aaa1 michelemeta_1374762176necessario l’apporto e la collaborazione di coloro che, nessuno escluso, che quotidianamente operano nei diversi settori.

Il Presidente della Commissione Trasporti della Camera, Michele Meta, ha riconosciuto le difficoltà organizzative dell’Autorità in questa fase di start up, ma ha altresì sottolineato l’urgenza dei problemi del settore dei trasporti – dalla crisi di Alitalia, alle ferrovie, al trasporto pubblico locale – e ha lanciato l’allarme su un possibile rinvio troppo in là dell’avvio della concreta attività dell’Autorità, che invece deve entrare subito nel pieno delle sue funzioni.

Red-Ferpress