UltimaEdizione.Eu  > 

Arrestato dai Carabinieri Domenico Cutrì, l’ergastolano evaso dopo l’assalto al furgone blindato che lo trasportava. Era con un complice in una casetta non distante la luogo della fuga

Arrestato dai Carabinieri Domenico Cutrì, l’ergastolano evaso dopo l’assalto al furgone blindato che lo trasportava. Era con un complice in una casetta non distante la luogo della fuga

Lo hanno sorpreso e catturato mentre dormiva. Si è conclusa così nel sonno comunque agitato del braccato breve la fuga di Domenico Cutrì, l’ergastolano del novarese evaso grazie a un clamoroso assalto armato al furgone blindato che lo traduceva dal carcere al Tribunale di Busto Asrsizio per un altro processo che lo riguardava.

Si nascondeva ad Inveruno, nella periferia nord di Milano, non distante da luogo ove vive la sua famiglia e a una ventina di chilometri dal luogo dell’evasione. I Carabinieri del reparto operativo di Milano lo hanno trovato e tratto in arresto, ponendo fine alla sua fuga che durava da una settimana. Domenico Cutri non ha opposto resistenza. Non era andato molto lontanto, come ne erano certi gli investigatori.

Il malvivente era in compagnia di un amico, Luca Greco, un pregiudicato di 35 anni , sospettato dai carabinieri di aver fatto parte del commando entrato in azione lunedì scorso. I due uomini avevano 1cutri12ottenuto l’appartamento dove si trovavano, in via Villoresi 21, da un piccole imprenditore della zona, Franco Calà, anche lui arrestato per favoreggiamento. Cutri e Calia erano armati i carabinieri hanno rinvenuto una pistola 357 magnum e con l’arma alcune dosi di marijuana.

Nell’appartamento dove sono stati trovati mancavano luce, gas e acqua. Cutrì viveva la latitanza in una condizione di degrado e in questi giorni i due cucinavano utilizzando un fornelletto da campeggio. Nell’assalto armato era morto il fratello maggiore, Antonino, colpito dagli agenti custodia. Giorni fa nelle mani degli uomini dell’Arma erano finiti altri componenti del gruppo di fuoco e la fidanzata di Antonino, Carlotta di Lauro, fidanzata del bandito ucciso.

Enrico Barone