UltimaEdizione.Eu  > 

Allarme del consigliere Athos De Luca: “metà corse Atac in luglio e agosto pochi autisti e non si puo’ assumere”

Allarme del consigliere Athos De Luca:  “metà corse Atac in luglio e agosto  pochi autisti e non si puo’ assumere”

A Roma è ancora l’argomento trasporti a tenere banco. Il nuovo sos interesserebbe l’Atac, l’azienda del trasporto urbano, per la quale sembrerebbe prevedersi, per i mesi estivi, un taglio delle corse del 45 per cento. A lanciare l’allarme è il consigliere comunale del Pd Athos De Luca. Ma l’Atac smentisce. In ogni caso, la carenza di personale è reale, con comprensibili conseguenze più pesanti nella stagione estiva.

“Negli ultimi due anni – ricorda l’amministratore delegato di Atac, Roberto Diacetti – l’organico è diminuito di 1.200 dipendenti, due terzi dei quali autisti, andati in pensione e non riassunti per i divieti imposti dalla spending review e per i conti in rosso dell’azienda. Siamo in attesa dal Campidoglio dell’autorizzazione per assumere lavoratori interinali con i quali coprire le emergenze”.

atac10La questione va risolta al più presto e se non arriverà il via libera per l’assunzione di interinali, sarà problematico programmare soddisfacenti turni del servizio. Da contratto, nei mesi di luglio e agosto Atac deve assicurare rispettivamente 9 milioni e mezzo di chilometri a luglio e nove ad agosto. Ma già da due, tre anni le prestazioni si sono attestate intorno agli 8 milioni. Con un minor numero di autisti disponibili, il servizio potrebbe anche crollare a 7 milioni. L’Atac ha chiesto al Campidoglio assunzioni per un milione di euro per coprire dai 200 ai 400 turni. Senza l’autorizzazione del Campidoglio molte linee potrebbero diventare un miraggio, o almeno a costringere a lunghe attese gli utenti tra un passaggio e l’altro.

“Una follia – dichiara il consigliere De Luca – una decisione che nasce dalle difficoltà economiche dell’azienda, malgrado l’aumento del biglietto, indebitata con le banche e carente di autisti per i noti fatti di parentopoli”. In ogni caso, la ventilata soppressione del 45 per cento delle corse nel mese di luglio, e nel caso l’anticipazione denunciata dal consigliere De Luca corrispondesse alla realtà sarebbe davvero un provvedimento inaccettabile, tale da mettere in discussione la stessa ragion d’essere dell’Atac.”Un’azienda – rincara la dose di De Luca – incapace oramai di garantire un minimo di regolarità nel trasporto pubblico”.

Luca Pandolfi