UltimaEdizione.Eu  > 

A Napoli e Milan 3 punti sulle due genovesi. Azzurri vittoriosi 0-2 col Genoa e Milan 1-0 a San Siro su Samp

A Napoli e Milan 3 punti sulle due genovesi. Azzurri vittoriosi 0-2 col Genoa e Milan 1-0 a San Siro su Samp

Napoli e Milan contro le due genovesi guadagnano tre punti. Gli azzurri di Benitez a Marassi tornando momentaneamente in testa alla classifica e il Milan supera di misura a San Siro la Sampdoria. Cominciano con l’anticipo delle 20,45. A Milano padroni in gran forma, rispetto ai blucerchiati spenti e privi di freschezza fisica. Nel primo tempo è solo Milan, anche se non riesce a incidere perche i doriani respingono bene gli attacchi avversari. Primo tempo in parità, 0-0. Nella ripresa al 20 esimo Birsa apre le marcature e porta in vantaggio i rossoneri. Il monologo non cambia perchè i rossoneri cercano il raddoppio ma la Sampdoria regge e cerca di abbozzare qualche ripartenza, ma senza essere incisiva. il risultato finale è per 1-0 a favore del Milan che tenta la risalita in classifica aspettando la prossima settimana il big match di Torino contro la Juventus.

genoa-napoliGenoa e Napoli arrivavano entrambe da una giornata precedente un pò difficile, cercando il riscatto proprio nell’anticipo del sabato. Il Napoli fa subito suo il risultato con una gran doppietta di Pandev che infila a Perin due gol nel giro di 10 minuti e chiude cosi pratica e incontro nel primo tempo. Nel secondo, i padroni di casa cercano il riscatto e attaccano sulle fasce, ma non riescono ad essere incisivi.

I partenopei mantengono il possesso palla con qualche ripartenza, soprattutto con il nuovo entrato Higuain, ma nella sostanza, per il resto del secondo tempo gli Azzurri cercano di addormentare la gara. Negli ultimi 10 minuti il Genoa si fa avanti e cerca il goal con molte incursioni centrali che mettono in difficoltà la difesa di Mister Benitez. Il risultato, però, a Marassi resta sullo 0-2 per il Napoli che si riporta in testa. Ora, aspetta il risultato della Roma, in campo domenica sera in casa con il Bologna.

Federico Dickmann